La boutique des nouvelles musiques

Disco del mese

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no 92, 1 janvier 2006

Immaginate un filo rosso che parta dai Faust, passi per i This Heat, i Wire, gli Einstürzende Neubauten, i Brise-Glace e i You Fantastic! per arrivare infine ai Klaxon Gueule - l’approdo al terzetto di Bernard Falaise, Michel F Côté e Alex St.-Onge è peraltro facilmente spiegabile, dacché la chitarra dei Foodsoon è proprio quella di Falaise. State già pensando quello che penso anch’io: potrebbe essere un capolavoro. Potrebbe essere il disco che stavamo aspettando da mesi e magari anche qualche anno. Potrebbe: è. I Foodsoon si completano, accanto a Falaise (anche al basso e alle tastiere), con Fabrizio Gilardino (nastri preparati, elettronica e voce) e Alexander MacSween (batteria, piano, tastiere e voce) e sono all’esordio. Somelove è strutturato come una lunga suite senza soluzioni di continuità; i pezzi, pur mantenendo una personalità distintiva, sono legati tra loro nella giustapposizione di momenti di attacco out-rock e (poche) sfaldature improvvisativo-sperimentali. La batteria suona secca, potentissima, metronomica; la chitarra è metallica, aspra, pungente come un vento freddo che pare una mutazione tra Bruce Gilbert e Steve Albini; le parti di elettronica e di tastiere non badano a spese, circuiscono e si fanno perifrasi, stordiscono noisy sfregiando il volume come una mano che accartoccia una manciata di vetri; le voci, usate purtroppo con parsimonia, sono i filtri meccanizzati di una tensione che vuol esplodere. Nulla è intentato, nulla è superfluo. Tutto è funzionale alla resa di una musica che dispone un’idea di avant-rock come non la si sentiva da tempo, netta e limpida, a modo suo feroce perché inneggia a rituali altrove sviliti da pastette senza nerbo: attacchi fulminanti, grattugiati e sibilanti come Givre, 10 x Mary, N° Six e Porcospino (formidabile!) non accade di sentirli tutti i giorni, la filastrocca robotica Small Town è uno spasmo e già uno spastico inno, la ‘danza moderna’ di Do Fall e Blank Ulrich macina tensioni di tastiere e chitarre che si fanno epica d’un disastro, Strike Four prende i primi Einstürzende per i capelli e li strapazza, l’anfetaminica Nu è una danza tribale a piedi nudi su una discarica di sostanze tossiche poi ammortizzate nell’ovatta minimal-technoide di X-Ray Owls. Dall’altro lato i pezzi più tesi e sospesi: il balbettio autistico di Sam, le galleggianti melodie industriali (nessun ossimoro) di Shoot Me e It Never Happened, le camere d’eco improv di East, Further East Than A Walking Distance, i grugniti allarmanti di Or Bite. Musica finalmente ‘da acquistare’, feticcio da possedere, manufatto inatteso e fantastico, Somelove è l’ultimo grande album del 2005. Ma io me lo tengo stretto per le classifichine del 2006: c’è giusto un posto appena lasciato libero in testa alla playlist.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.