La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Maurizio Blatto, News Spettacolo, 31 mai 2006

Ok, questi son sicuro che non li conoscete. E tanto per facilitarvi la vita nel tentativo di spiegarvi che musica fanno, citerò come esempi gruppi poco noti. Sono un critico, mica un cane San Bernardo. Quindi sappiate che i Foodsoon sono un trio canadese che assomiglia, ma poco, ai Faust, ai This Heat e ai gruppi minori della Skin Graft. Chiaro? Poco, immagino. Allora vi avverto che l’intero album sfila come un brano unico ricco di dissonanze, nastri alla rinfusa (il “paesano” Fabrizio Gilardino butta voce, elettronica e nastri di mestiere), rumori e ritmiche improvvise. Lo so, sembra la descrizione di un uomo che paga una multa. Ma se siete curiosi, non conoscete paura e avete tolto MTV dalla sintonia della televisione, prego accomodarsi. Basso, tastiere e una batteria poco serial e molto killer movimentano brani come porcospino, 10 x mary, or bite. Quarantun minuti di ossessioni krauto psichedelico-avanguardiste: il paradiso dell’intellettuale.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.