La boutique des nouvelles musiques
Grande vente du Temps des Fêtes! — Jusqu’à 50% de rabais sur 142 titres Jusqu’au 7 janvier 2020 — Cliquez pour voir

Recensione

Danilo Corgnati, Liverock, 26 février 2006

Disco prepotentemente rock quanto sperimentale, Some Love gira tutto attorno agli incastri tra rumore e ritmo e le possibili variazioni intorno a questo tema. Batteria, chitarra ed elettronica sotto forma di nastri manipolati, si fondono in un amalgama capace di portare alla mente mille nomi come nessuno, dai Faust al Pop Group, dai The Ex più crudi ai This Heat. Ma alla fine ad emergere è comunque la tendenza del trio canadese a fagocitare le numerose influenze per rimasticarle e risputarle fuori secondo la propria originale sensibilità. Così se l’iniziale givre rimanda a una versione più estrema dei Sand e small town, unico pezzo cantato, può essere indicato come il pezzo pop dell’album, strike four suona come qualcosa di non ben definibile, tra elettronica radicale, math rock, Sonic Youth e Pop Group, tutto nello stesso istante e condensato in poco più di due minuti. Non mancano divagazioni industrial, certi passaggi rimandano direttamente alla lezione ritmica di Scorn, e krautrock, come in x-ray owls. A farla da padrone sono comunque ritmo e rumore in tutte le loro forme. Se ne consiglia l’ascolto a volume sostenuto.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.