La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Guido Amari, Rocksound, no 93, 1 février 2006

Un paio di mesi di session di registrazione e un intenso lavoro di “taglia e cuci” hanno prodotto il lavoro d’esordio dei canadesi Foodsoon, terzetto che vede all’opera il batterista Alexander MacSween, il chitarrista dei Klaxon Gueule Bernard Falaise e il rumorista Fabrizio Gilardino, proprietario anche della label indipendente che si occupa di stampare Some Love. In totale fanno diciotto schegge che variano dai venti secondi di Non suitable ai quattro minuti dell’opener Givre, e che fanno convivere con successo l’amore per l’avanguardia, il noise, la sperimentazione, la musica industriale dei primi Throbbing Gristle, la ritmica ossessiva dei Melvins, le esperienze precedenti dei musicisti coinvolti, il tutto senza soluzione di continuità. Il vero miracolo di Some Love sta nell’equilibrio con cui le molteplici influenze si intersecano, creando un magma sonoro a tratti rabbioso e violento (blank ulrich, 10 x mary, strike four), in altri quasi pop o tradizionalmente rock (i cori di small town, do fall). Un disco giocosamente diverso. (7/10)

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.