La boutique des nouvelles musiques
Grande vente du Temps des Fêtes! — Jusqu’à 50% de rabais sur 142 titres Jusqu’au 7 janvier 2020 — Cliquez pour voir

Recensione

Fabio Lugaro, Ondarock, 27 janvier 2006

A Montréal c’è una piccola Downtown.

L’ultima scossa che da là arriva alle nostre orecchie è un incontenibile concentrato di ritmi serrati e urgenti, nastri su di giri, chitarroni grattugiati e miniature elettroniche.

Ma andiamo con ordine. Nella città del Canada francofono esiste una scena artistica che annovera un’ampia serie di artisti operanti in ambiti diversi: musica, arti visive, danza e teatro. I confini sono tuttavia molto labili e le contaminazioni frequenti. Capita che un ballerino e un attore teatrale siedano dietro un computer e prestino la voce a un disco di avant-pop elettronico-disturbato come Unstable Friends dei Bob, prima release, nel 2003, della locale etichetta &records. Sempre da Montréal muovono poi i propri passi i Klaxon Gueule, rinomato e cerebrale trio improvvisativo/elettronico/alchimista.

E’ in questo panorama cittadino dal forte humus creativo che prende forma la creatura Foodsoon, all’esordio con questo album. Anche questa volta si tratta di un trio avant-rock, e i punti di contatto con i Klaxon Gueule non terminano qui. In entrambe le formazioni ritroviamo infatti Bernard Falaise, chitarrista eclettico le cui attività spaziano dalla sperimentazione al rock, dal cantautorato al jazz, dalla composizione di colonne sonore televisive e teatrali alla produzione. Nei Foodsoon, Falaise è responsabile di chitarra, basso e tastiere.

A completare la line-up, Alexander MacSween (batteria, tastiere, piano e voce) e Fabrizio Gilardino (nastri preparati, elettronica, voce). Anche MacSween compone abitualmente musiche per compagnie teatrali e di danza, mentre Gilardino, italiano che vive a Montréal, è manager dell’etichetta, artista visuale e grafico. Sua la copertina di Some Love, così come quelle di diverse altre uscite, tra cui album di Fred Frith, Eugene Chadbourne, Diane Labrosse, Klaxon Gueule, Phil Minton e Veryan Weston.

Il progetto Foodsoon nasce con l’intento di esplorare diverse possibilità in ambito rock; specificatamente quelle riguardanti l’elettricità, il volume (le performance live del gruppo, ci giunge notizia, registrano livelli di volume notevoli), la densità del flusso sonoro e i rapporti tra improvvisazione e composizione.

Il disco si apre interlocutoriamente: cinquanta secondi di riverberi in cui viene solo introdotto il loop di una voce femminile preregistrata. Pochi istanti dopo è l’irrompere della furia marziale della batteria a chiarire, già da givre, primo e più lungo pezzo tra quelli del lotto (è l’unico a superare i quattro minuti), le intenzioni dei tre.

Veloci e nitroglicerinici frammenti che compongono un disegno comune. Un robusto punk-noise arricchito da ribollenti parti elettroniche e da chitarre triturate, rimasticate e vomitate alla Ex (quante vorremmo sentirne!). Spaventose ritmiche a perdifiato, intelligentemente fatte emergere solo a tratti a volume esagerato, sovrastando il resto, e spesso invece sotterrate nell’inconscio della composizione/improvvisazione. Nervosismi in nome dei migliori Fall, innesti industrial, sampling vivace, evoluzioni e colpi di coda per nastri e batteria alla This Heat. Su tutto, un bilanciato pragmatismo rock a equilibrare, che scongiura i rischi di osticità. Una fun house del suono rock di ricerca, insomma.

Tra declamazioni epilettiche (small town), incessanti sfregamenti - chissà che non si tratti di carta vetrata - sulle corde della chitarra (no six), elettronica sfasata e loop scriteriati (shoot me, che potrebbe anche essere uno sperduto inedito degli australiani Gum), ottimo esempio del sound del trio è la potentissima strike four. Apertura per perverse scorie elettriche che preparano l’irruzione della batteria. Quindi, sotto la violenta propulsione ritmica, blocchi di suono vengono poi scaraventati ovunque, come in seguito a un’esplosione. Frattaglie acide dal sapore post-industriale, bleep, come una molla elettronica che si estende e si contrae impetuosamente. Uno stop solo apparente per ripartire seguendo lo stesso violentissimo schema. Tutto srotolato in meno di due minuti e mezzo, con invidiabile capacità di sintesi.

Il titolo scelto per la cupa e scostante conclusione dell’album, it never happened, suona accidentalmente come risposta negativa all’interrogativo della Miss Fortune faustiana (finalmente nominiamo un altro inevitabile rimando storico del trio canadese). Eppure, arrivati alla fine di some love, possiamo dirlo: qualcosa di considerevole è realmente accaduto. 7,5/10

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.