The New & Avant-garde Music Store

Waves. Impro Rock

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 204, May 1, 2015

Qualcuno ricorderà, nove anni fa, l’unico album dei canadesi Foodsoon che potremmo definire "band collaterale" dei Klaxon Gueule; ecco, a distanza di tanto tempo ritroviamo il batterista Alexander MacSween all’esordio a nome personale dopo una carriera andata avanti per anni e anni alla corte di molte delle migliori formazioni di imrpo-jazz/rock attive a Montréal. Con lui (batteria, programmazione, sampler e tastiere) ci sono Corinne René (marimba, timpani, gong, vibrafono, percussioni), Nicolas Caloia (contrabbasso) e Sam Shalabi (chitarra elettrica) e al centro di tutto c’è, inutile dire, il (senso del) ritmo. Guidato però più da Shalabi che da MacSween: è la sua chitarra rigurgitata e singultante che dà l’abbrivio a quasi tutti i pezzi, ora più decisi (That Gum You Like, DCVI), ora più astratti (Eleanor Bone, la jazzata Crocodiles), ora vagamente technoidi (Uncle Flabbius, Onward), ora completamente sfasciati e disgregati (Scarsdale, The Poacher’s Dream). Il responsabile primo programma tempi e controtempi (Love Me On Tuesday) e con gli altri "comprimari" aggiunge sample, rimbrotti, botte, rimbalzi. Tutto è essenziale fino ad apparire spartano e talvolta interrogativo: bel disco. (7/10)

7/10

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.