The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 155, April 1, 2011

Chiudendo una trilogia che si estende su un decennio (Musique d’hiver è del 2001 e Nouvelle musique d’hiver del 2007), la compositrice realizza la sua opera più densa, con riferimenti alla letteratura ed al contesto eco-sociale, ovviamente canadese. Non è inedita, fra gli artisti della foglia d’acero, la peculiare attenzione politica e sociologica. Si pensi a quel manifesto che è Le trésor de la langue di Lussier, o anche all’antologia “-40: Canadian Propaganda Films of the 1940’s Reworked” (co-prodotto dal National Film Board of Canada) che chiamava tipi dell’area elettro-digitale a sonorizzare video ‘di propaganda’ degli anni ’40. In Récits l’inverno è presentato come allegoria polireferenziale e la neve diviene il ‘precipitato’ di sostanza, le cui valenze chimico-fisiche, paesaggistiche e simboliche entrano nei suoni come fonte d’inspirazione e contribuiscono a plasmarne la morfologia. La struttura dell’opera è organizzata in quattro movimenti (La neige, Jamais froid, Rafales e Paysages), a loro volta suddivisi in tre — quattro sets. Si succedono così quindici quadri il cui spartito, tipicamente ‘contemporaneo’, ricompone un puzzle di post-impressionismo, jazz (c’è pure, unica composizione non originale, Flakes di Lacy), poesia sonora, bric-a-brac colto. Per goderne appieno più che il semplice ascolto, occorre una vera e propria esplorazione, la lettura dei testi, un approfondimento sui rimandi e su certe anfibologie terminologiche (il termine ‘bianco’ come ‘pagina bianca’, ‘notte bianca’, ‘arma bianca’). Ci si presenta quindi un disco, per quanto registrato live, che non possiede la forza trascinante di lavori egualmente stratitificati (ad esempio quello della Palardy Roger, in BU#154) e che necessita per l’assimilazione tempi dedicati. C’è, in Paysages, alla fine del percorso, il ricorrente motivo della ‘neve silenziosa’, dalla ‘voce dolce’, che ‘cancella tutte le forme ed i colori’. Tuttavia, per giungere a tale sintesi emozionale occorre dare diverso tempo a questa musica di depositarsi e sciogliersi; ma non è detto che ne abbia merito e diritto. Vi presentiamo così, per ellisse, un interrogativo — pure per noi la questione è aperta — sul suo ‘reale’ valore estetico. Indubitabilmente una miniera culturale e quasi un’enciclopedia emotiva. Ma la sua erudizione finisce per congelare (seppellire sotto la neve…) l’attimo d’illuminazione totalizzante che ogni volta si chiede all’arte.

Si succedono così quindici quadri il cui spartito, tipicamente ‘contemporaneo’, ricompone un puzzle di post-impressionismo, jazz (c’è pure, unica composizione non originale, Flakes di Lacy), poesia sonora, bric-a-brac colto.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.