The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Michele Coralli, Altremusiche, November 19, 2010

Musica che parla per immagini, giustamente definita altrove “cinematica” per il suo srotolarsi come un lento tappeto di immagini formalizzate in sequenze di suoni. La bulimia di immagini prodotta nelle nostre menti non necessita di ulteriori materiali di stimolo, le scorte sono in avanzo, basta qualche semplice ripescaggio. Nuova psichedelica? Potrebbe essere un cammino da percorrere. Niente effetti speciali, né droga, ma solamente le tossine cinematiche che ci portiamo dentro da anni. Chi la considera ambient sbaglia, poiché Mecha Fixes Clocks di Michel F Côté, sebbene utilizzi grammatiche molto simili alla musica di riempimento paesaggistico, lavora la materia in un cesello molto più minuzioso, specie nell’aggregare rimandi e disturbi. Si riescono così a produrre nella memoria di chi ascolta ripescaggi aleatori e assolutamente non vincolanti. Glissando wyattiani, fratture glitch, crepuscolarismi hollywoodiani e folklori senza patria. Quello di Côté, al pari di lavori come quelli nei Klaxon Gueule, appartiene più all’arte del montaggio e della decostruzione, piuttosto che alla creazione di per sé, sebbene poi, alla luce di quanto appena scritto, le due cose tendano inevitabilmente a sovrapporsi.

Nouveau psychédélique? Ce pourrait être une voie à suivre

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.