actuellecd

Recensione

EG, Sands Zine, November 10, 2008

Taxonomy atto secondo. 10 Taxonomical Movements è un disco più studiato e meditato del precedente A Global Taxonomical Machine, tanto da apparire strutturato in movimenti sulla falsariga di numerose opere classiche. È anche un disco più ‘suonato’ (intendendo con ciò suonato su strumenti tradizionali), oltre alle chitarre compaiono infatti violino, glockenspiel, zither, basso elettrico, melodica e clarone. Questo senza rinunciare a oggetti, giocattoli, portatili e campionatori, né alle voci e ai suoni rubati e/o trovati. Questi dieci pezzi che in realtà non hanno né un inizio né una fine rappresentano un’autentica ‘sagra della contemporaneità’, nel loro bilanciare la pace di un’oasi pubblica con la realtà stressante di un ufficio, la gioia sfrenata di una festa pirotecnica con le voci soffuse tratte da un film di culto (Ta’m e Guillas di Abbas Kiarostami), la sostanza di suoni che possono essere delicatamente ambient o scagliosi come un crotalo sovraeccitato, jazzy o impressionisti, popolari (sentite un po’ quando viene utilizzata la melodica) o strenuamente concreti. Sembra proprio che con 10 Taxonomical Movements i tre abbiano raggiunto quell’equilibrio che altri ensemble d’improvvisazione inseguono per una vita senza riuscire ad afferrarlo o ghermendolo solo per il rotto della cuffia. E così Taxonomy è all’oggi uno dei migliori gruppi di improvvisazione elettroacustica (e non solo) attivi in Italia e la sua musica è il punto d’incontro più accreditato fra Erik Satie, Eric Dolphy e Pierre Schaeffer.

Taxonomy è all’oggi uno dei migliori gruppi di improvvisazione elettroacustica (e non solo) attivi in Italia.