The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 125, October 1, 2008

Il musicista indiano — ma canadese d’adozione — Ganesh Anandan ha sviluppato da anni una sua personalissima ricerca sulla percussività più desueta e improbabile, applicando concezioni di origine indiana alle superfici meno prevedibili (tutte eccetto quelle classiche) e con le tecniche meno ovvie (sfruttando soprattutto le dita). In maniera non dissimile il compositore John Gzowski si è dedicato allo studio degli strumenti a corda inventandone di personali e sfruttando quelli esistenti con preparazioni e tecniche estremamente originali; entrambi hanno alle spalle esperienze e sodalizi decennali a metà tra classica contemporanea e avant-jazz, da Hans Reichel a Paolo Angeli. Questi, in breve, i curricola che hanno porato i due a collaborare una prima volta oltre dieci anni fa ma solo oggi a concretizzare un progetto che ne rappresenta al meglio il punto d’incontro nell’interesse nutrito da entrambi per le accordature e gli accostamenti meno ortodossi. Con lo Shruti Project hanno difatti realizzato una serie di improvvisazioni basandosi su metodologie di origine indiana e indonesiana ("shruti" è un termine sanscrito che denota tonalità e intervalli) ma concezioni compositive della contemporanea occidentale; Gzowski suona una "Harry Partch guitar" (cioè una riproduzione della "chitarra adattata" di Partch e altri strumenti di propria invenzione o preparazione (dowel elettrificato, ukelin, 19-tone guitar), Anandan metallofono, kanjira, moorching, barattoli e uno "shruti stick" elettrificato, vale a dire uno strumento a 12 corde da suonare con bacchette, dita e archetto. Ciò che si ascolta è, a restar cauti, originale nonché del tutto difforme rispetto a qualunque altra possibilità conosciuta; per dare un’idea, inevitabilmente ovvia e comunque vaga, è un po’ come ascoltare Ravi Shankar, Harry Partch e Hans Reichel esattamente nello stesso momento (a prtire dall’iniziale I Am Inside Looking Out). Movimenti che hanno il sapore di un jazz incredulo e stupefatto costruito su scale e assolo del tutto imprendibili (At My Critical Counterpart), raga sfatti tra percussioni microtonali e movenze circospette (Except Maybe the Sounds, Past Things We Don’t Recall o We Listen and Act, con la voce recitante di Anandan, allunghi e dilatazioni come un esperimento di John Fahey e un altro di Sandy Bull mixati e rallentati fino al rigurgito e alla scomparsa (Nothing Is Familiar, And Intuition Should Fail Us, improvvise certezze che fanno pensare "ecco!" e subitanei viluppi che ammutoliscono (While the Tape Recorder In the Mind, la giga percussiva With Our Intention and Instinct, quella specie di ballad che si chiama Meanders Through Familiarity). Non saprei dire se questo disco è un capolavoro; certo è che aggettivi come "inaudito" e "spiazzante" non bastano a qualificarlo e alla fine sono persino fuorvianti. Come titola uno dei pezzi, In A New Land, No Man’s Land. (8/10)

Non saprei dire se questo disco è un capolavoro; certo è che aggettivi come "inaudito" e "spiazzante" non bastano a qualificarlo e alla fine sono persino fuorvianti.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.