The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no. 13:36, July 1, 2008

Ci sono molti motivi per dover parlare di questo Shruti Project, e non solo musicali, ma anche sociologici, storici e, perché no, filosofici. D’altronde è cosa nota di come l’osmosi oriente-occidente (fin dai tempi di Platone) abbia prodotto nuove idee e spalancato eccitanti prospettive. Lo stesso può valere per la musica se si tiene conto (solo per fare un esempio tra i tanti) della cosiddetta scuola minimalista nata, una quarantina d’anni fa, da una fatale attrazione dell’America di Terry Riley verso il mantra titanico indiano. Anche se non ci troviamo di fronte a scenari del genere è pur vero che la prospettiva “minimal” persiste nel lavoro di Anandan e Gzowski (musicisti rispettivamente, indiano e canadese in collaborazione dal 1996) se è vero che Shruti è un termine sanscrito che sta proprio ad indicare l’intervallo più piccolo che intercorre tra le note. Ganesh porta tutta la tradizione orientale grazie, soprattutto, ad un nutrito numero di percussioni e ad alla sua vocalità mentre John ci mette un discreto numero di chitarre (acustiche e non). Il risultato finale risulta essere un “ambient” piuttosto materico e sussurrato (I am inside looking out, In a new land, no man’s land.) dove l’elemento melodico non trova posti adeguati per prosperare a differenza della componente ritmica che, invece, sa insinuarsi in ogni anfratto armonico, plasmandolo a propria immagine e somiglianza (With our intuition and instinct). E’, comunque, la componente orientale ad essere maggiormente evidenziata (We listen and act. vocals,, Except maybe the sounds.) anche se non mancano evidenti riferimenti a certa sperimentazione contemporanea (The left hemisphere should intervene) nonché alla tradizione psichedelica più esoterica (To where we are now).

Il risultato finale risulta essere un “ambient” piuttosto materico e sussurrato…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.