The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Enrico Bettinello, Blow Up, no. 119, April 1, 2008

Torna dopo un silenzio di dieci anni uno dei progetti più stimolanti dell’instancabile sassofonista canadese Jean Derome: i suoi Dangereux Zhoms — nei quali troviamo altri nomi imprescindibili della scena Ambiances Magnétiques come il trombonista Tom Walsh e il batterista Pierre Tanguay — sono un organico che ama fondere l’improvvisazione e la scrittura contemporanea, rincorrendo con felice sintesi le più disparate possibilità lessicali della musica di oggi. Sei composizioni di Derome, terreno di splendide invenzioni, irrequiete e coinvolgenti, in grado di abbracciare un testo di Richard Serra come una favola di La Fontaine, per un lavoro ad alto tasso creativo. Ottimo! (8/10)

Troviamo il batterista Tanguay anche in Yul/Departure, disco pubblicato per la Malasartes Musique, una consorella della Ambiances, in trio con il bassista Michel Mergaerts e il sassofonista belga Erwin Vann. Personalità differenti che si mettono al servizio reciproco, nulla di particolarmente nuovo o imperdibile, ma non mancano energia e sfumature davvero azzeccate. (7/10)

… un organico che ama fondere l’improvvisazione e la scrittura contemporanea, rincorrendo con felice sintesi le più disparate possibilità lessicali della musica di oggi.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.