The New & Avant-garde Music Store

Live: XM24 (Bologna, 10 ottobre 2006)

Daniele Follero, SentireAscoltare, November 1, 2006

Li ho contati: nella piccola saletta dedicata ai concerti del centro sociale XM24 c’erano trenta persone. Me compreso. Un po’ pochine considerato l’evento e cioè la prima tappa bolognese di uno dei gruppi più interessanti dell’odierna scena avant rock. I canadesi Foodsoon nella città felsinea non ci avevano mai messo piede prima e chissà se lo faranno ancora. Pochi ma buoni? Beh, vallo a dire a loro, arrivati da così lontano! Il trio nordamericano non si è lasciato intimorire da un numero così esiguo di spettatori, ma non ha regalato nulla alla platea: un’ora esatta di musica, nessun bis. Effettivamente non deve essere entusiasmante suonare di fronte a una quindicina di paganti e a una decina di amici. Comunque non tutto il male viene per nuocere e, con grande professionalità il nostrano Gilardino e i suoi compagni francofoni hanno dato un soddisfacente assaggio delle loro potenzialità live. A dire la verità mi sarei aspettato qualcosina in più sotto il profilo del sound. Certo, il posto non era dei migliori, ma quell’amalgama di rock duro e rumore che aveva fatto saltare dalla sedia non pochi fan del rock d’avanguardia dopo l’uscita di Somelove, non si può dire sia venuto fuori alla stessa maniera dal vivo.

E’già passata mezzanotte quando Fabrizio Gilardino mette mano alle sue macchine e da il “la” al resto del collettivo. Nessuna sorpresa sul repertorio: il trio attinge a piene mani dall’album d’esordio ma aggiungendoci anche tanta, tanta improvvisazione. Il personaggio più in evidenza, la “star” della serata è senz’altro Bernard Falaise che però, dopo un po’ dà l’impressione di strafare con i suoi spastici rumorismi chitarristici da pseudo Frith/Bailey. Anche la batteria, qualche volta un po’ troppo involuta, stancherebbe molto se non fosse per qualche trovata geniale di MacSween, che può vantare un tocco sempre deciso e limpidissimo. Le voci, ridotte a qualche sample manipolato con esperienza da Gilardino, offrono spunti ritmici per le improvvisazioni, che si dipanano in una dimensione così aperta da poter continuare all’infinito. Non il solito susseguirsi di tensioni e distensioni, bensì un continuo sovrapporsi di idee che si incrociano dando vita a soluzioni sempre diverse. I pochi accorsi al richiamo canadese sembrano apprezzare. Ma la richiesta di bis risulta talmente debole da apparire quasi ridicola e per questo è soffocata sul nascere. Ma va bene lo stesso. Del resto quelli che hanno guardato molto avanti sono sempre stati pochi. Elitarismo? Massì! Ogni tanto una buona dose di ottimistico esclusivismo allontana la paura di sentirsi semplicemente isolati.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.