The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Martino Lorusso, SentireAscoltare, February 1, 2006

Ancora Canada, ancora Montréal, scenario di una delle espressioni musicali più vive e frenetiche dell’ultimo decennio, la città che meglio incarna oggi l’idea di avant-rock. Un termine fino a pochi anni fa associato preferibilmente a quella Chicago di Grubbs, O’Rourke, McEntire e tanti altri, che hanno rivoluzionato il modo di intendere la musica per chitarra-basso-batteria, spingendola verso derive free jazz e ambient, sporcandola di elettronica cheap per poi lustrarla con lo smalto del dub, destrutturandola e reiterandola all’uso minimalista.

E le analogie con la scena sotterranea della città ventosa sono tante e importanti, a partire dallo stretto legame di amicizia che unisce gran parte dei musicisti locali, molti dei quali di origini cosmopolite. Proprio come Fabrizio Gilardino, manipolatore di suoni, grafico, organizzatore di eventi artistici e responsabile, insieme a Michel F Côté della &records, una delle numerose etichette fucine di talenti cittadine, tra cui figurano la storica genitrice Ambiances Magnétiques, a dar voce alle musiche “altre” canadesi (e non), come pure la Constellation e la Alien8, più legate a sonorità di matrice rock. Insieme a Bernard Falaise, già chitarra del trio elettro-acustico rumorista Klaxon Gueule, e Alexander MacSween (ai tamburi, alle tastiere), l’italiano costituisce i Foodsoon, un nome di cui certa stampa si è subito accorta e di cui già inizia a tessere elogi sperticati. Forse perché la band di Montréal mostra una personalità non comune di questi tempi, e ha un suono allo stesso tempo paradigmatico di un universo sonoro finora celato all’ascoltatore non uso a frequentare gli sdrucciolevoli sentieri che depistano il rock verso altri luoghi e modi del sentire.

Primo parto della &records a nome Foodsoon, Some Love è uno dei dischi più interessanti pubblicati sul finire dell’anno appena trascorso ma la risonanza che sta riscuotendo di questi tempi e soprattutto la freschezza della musica in esso contenuta ci induce a tirarlo fuori dall’archivio “2005” per concedergli lo spazio che merita.

L’inquadratura si focalizza ancora una volta sul concetto di “rumore” e sulla sua integrazione in strutture organizzate, ispirandosi liberamente a un album fotografico che contiene istantanee di This Heat (a tutta pagina, quelli del primo omonimo album), Brise-Glace e Faust, tra le altre. Dalla camera oscura viene fuori una sequenza di diciotto scatti che condensano lunghe jam semi-improvvisate in un certosino lavoro di assemblaggio e sparute sovraincisioni. Vi è ritratta una band in pieno fulgore creativo, animata da una forza primigenia e deflagrante, che rifugge quasi del tutto il gioco dei pieni e dei vuoti - che ha fatto la fortuna di tanto avant-rock - in favore di una musica saturata e strabordante, in cui l’elettronica riempie ogni spazio lasciato libero dal drumming netto e ipertrofico di MacSween. Curioso notare poi come al posto del laptop d’ordinanza, Gilardino sfoderi un rudimentale tape deck a 4 piste, con campioni di rumori trovati (o degli stessi strumenti) incisi su semplici nastri, a rimarcare una vicinanza con la band di Charles Hayward, a tratti anche metodologica.

Propulsa da un motore funk su una sferragliante e scalcinata carrozzeria industrial di chitarre/tastiere sfigurate ed electronics, Some Love fende il gelo di una (lost) highway canadese a velocità supersonica, tra accumuli/rilasci di elettricità statica (small town, givre), visioni improvvise/laceranti di deserti interiori (sam, or bite) e algidi vuoti cosmici (lo space-rock x-ray owls); corse anfetaminiche con l’acceleratore a tavoletta (10 x mary) e ripartenze con sgasata (il punk di strike four). Se la voce è relegata a sporadiche comparsate, d’altra parte la materia sonora che avviluppa la batteria è stropicciata e impastata, al punto che è impossibile distinguerne la provenienza, come negli assalti sonici senza compromessi di nu, Porcospino e no six. Altre volte nel caos si fanno largo ipotesi di danze da civiltà post-atomica allo sbando - in stile Mad Max - come nella splendida do fall o in blank ulrich, anticipazione del sinistro finale psichedelico di una it never happened che - sin dal titolo - ci svela la natura onirica del nostro viaggio. E mai come questa volta, credetemi, vien voglia di reinserire la chiavetta nel quadro e ripremere il piede sull’acceleratore… 8/10

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.