The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Alfredo Rastelli, Sands Zine, January 5, 2006

Per la quinta uscita della canadese &records, scende in campo il boss dell’etichetta, Fabrizio Gilardino (il quale, ricordiamo, gestisce la label insieme a Michel F Côté), coadiuvato da Bernard Falaise (Klaxon Gueule e quant’altro) e Alexander MacSween (batterista con già varie collaborazioni importanti alle spalle). I Foodsoon esordiscono con sonorità di marca elettro-elettronica che ci riportano direttamente alle atmosfere malsane del disco dei Bob, band che due anni fa inaugurava il catalogo dell’etichetta. A differenza di quel disco però, in Some Love lo spirito cantautorale è deficitario a vantaggio di una più ampia libertà di schemi. Le prime due tracce di apertura givre e small town, sono solidissime marce robotiche tra l’industrial e il funk, con un richiamo alle produzioni più d’assalto dei Maffia, non dissimile dalla proposta del trio francese dei Kilo Of Black Bondage che abbiamo recentemente ammirato e con cui i Foodsoon hanno più di un punto in comune. Gli innesti di elettronics, tastiere e nastri, accanto alla triade chitarra-basso-batteria, permette una ricchezza di soluzioni che rendono tracce come do fall, porcospino e it never happened una continua sorpresa. Non mancano slanci punk (strike four) e rock (10 x mary), così come momenti di sperimentazione avanguardista. I Foodsoon sono un trio fortemente creativo che lega abilmente la solidità del rock con trovate elettroniche spesso esaltanti, alternando impatto sonoro a momenti più cerebrali. Veramente un ottimo disco.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.