The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Nicola Catalano, Blow Up, no. 86-87, July 1, 2005

Giovane (classe 1977) e talentuoso chitarrista di Montréal, Antoine Berthiaume ha in passato incrociato la sua sei corde con quelle di due vecchie volpi dell’improvvisazione radicale come Derek Bailey e Fred Frith (cfr Shoshin del 2002, sempre su Ambiances Magnétiques). Adesso è la volta di un album in trio col pianista francese Quentin Sirjacq e l’ingegnere del suono americano Norman Teale, qui agli strumenti elettronici. Grevi implosioni improvvisative, sempre in bilico tra calore cromatico e astrazione, coi fulminei ronzi entomologici di Comme un lézard sous le grand fouet du jour caniculaire sospesi tra l’immaginario/immaginifico fanta-blues Contemplating Innuendo e le desolate ambientazioni morriconiane di Staring at a Western Time. (7/8)

Grevi implosioni improvvisative, sempre in bilico tra calore cromatico e astrazione…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.