The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Nicola Catalano, Blow Up, no. 85, June 1, 2005

Già noto dagli anni ‘70 per la sua attività di letterato e poeta sonoro e, in anni più recenti, per le collaborazoni con altri acrobati della voce (i Five Men Singing con Phil Minton, David Moss, Jaap Blonk e Makigami Koichi) e le azioni del collettivo CCMC con John Oswald e Michael Snow, Paul Dutton raccoglie in Oralizations una serie di lavori che coprono circa sei lustri di sperimentazioni. Grammelot estemporanei, canto di gola, proto-rap pirotecnici e primordiali per sole ugola e cavità orale senza trattamenti elettronici e unicamente qualche sovraincisione qua e là, disinibito andirivieni tra fonemi in libertà e poesia verbale (in Wolf Chant il testo è di R Murray Schafer) con grande attenzione alla pura qualità acustica dell’offerta vocale.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.