actuellecd

Recensione

Vittore Baroni, Rumore, no. 69, January 1, 1997

Una valida introduzione alla scena sperimental-creativa (passata e presente) di Montréal ci è dato dal sampler dell’etichetta Ambiances Magnétiques (distr. Megatalogo) La bastringue migratoire - vol. 1, in particolarissima confezione sagomata e con booklet ricco di note: dalle inquiete improvvisazioni del pluristrumentista René Lussier, curatore della scaletta, al godibile camerismo di Robert Marcel Lepage, dal jazz in bilico fra nostalgia e modernismo di Les Granules e Jean Derome et les Dangereux Zhoms al maturo >rock d’autore> di Andre Duchesne, dai montaggi plagiaristi di Martin Tétreault a vari altri nomi oscuri ma tutti da scoprire (8).