La boutique des nouvelles musiques

Altrisuoni

Massimiliano Busti, Blow Up, no 191, 1 avril 2014

Rielaborare in forma cameristica una pietra miliare come Le Sacre du Printemps non è impresa da poco. E’ una scelta complessa, che da un lato richiede un notevole intuito nell’individuare gli elementi chiave da collocare al centro della propria opera di “aggiornamento” e dall’altro presuppone un grande sforzo nel distaccarsi in modo plausibile dalla partitura originale. Un processo che l’ensemble Quartetski ha perfettamente messo in atto in questa riedizione che brilla per inventiva e soluzioni avventurose, grazie a passaggi improvvisati che rendono giustizia allo spirito originario e ai bagliori elettrici della chitarra di Bernard Falaise che proiettano brillantemente nella dimensione contemporanea la scrittura di Stravinsky. La materia sonora trascende il tempo e si colloca in uno spazio ideale fra febbre fauvista e “rock in opposition”, fra esaltazione del rito pagano e stilizzata ricerca di tanta produzione targata Ambiances Magnétiques. Senza timore di scandalizzare i puristi, proprio come fece il compositore russo nella Parigi del 1913.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.