La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Dionisio Capuano, Blow Up, no 141, 1 février 2010

Rainer Wiens, chitarrista tedesco naturalizzato canadese, ha un altro album al suo attivo Bonunca Dream Music, la membership nei PO insieme a Sam Shalabi, John Heward, Alexandre St-Onge e varie collaborazioni (Malcolm Goldstein, Jean Derome e via così). Questo titolo, lo stesso di un libro di Carl Sagan e del film di Sergei Parajanov, è un florilegio di sue composizioni interpretate in solo e duo. Rainer Wiens, che si produce alla kalimba (The Valley of Green Ghost, Kawthoolie, The Taste of Pomegranate) imbastisce il discorso, sono gli amici-interpreti (Frank Lozano, Jean René, Joshua Zubot, Jean Derome e Malcolm Goldstein) a dare spessore alla arcaica atmosfera del disco. Già il violone di Joshua Zubot e il flauto di Jean Derome sviluppando il tema di Shadow of Forgotten Ancestors, ramificano la livida melodia post-impressionista fin fuori il pentagramma con una tensione drammatica che lascia attoniti. Ma a prender le budella è Shh… Whisper to the Wind, con i breathing sounds di vento malato e lo stridere delle corde fino alla visione di contorte arborescenze. Il resto, - sia la brillante viola di Jean René in Double Up, o l’archetto malinconico per Lipari-Stromboli, o i vibrati e trilli del flauto (Bird of Jade) – senza che ne venga meno la dignità artistica - sembra semplicemente disporsi intorno a quei due quadri sonori, come le formelle d’un polittico.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.