La boutique des nouvelles musiques

La chitarra liberata

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no 13:36, 1 juillet 2008

André Duchesne, ecco il nome che si dovrebbe appuntare chiunque voglia seriamente indagare sull’evoluzione della chitarra nella musica contemporanea. Già, perché questo ottimo musicista canadese sono già parecchi lustri che fa parlare (e sentire) assai bene di sé; fin da quando, nel lontano 1977, unitamente a Bouchard, Cormier, Derome e Lussier, dà corso ai mitici Conventum (due album che ogni vero amante del “progressive” inteso etimologicamente dovrebbe possedere) e nell’89 sfiora addirittura Canterbury con il gruppo de Les 4 Guitaristes de l’Apocalypso Bar (alla batteria una certo Chris Cutler…).

Però è stata l’ultima uscita Duchesne Cordes à danser… suite saguenayenne — 57:40 AM 2006 a riportalo imperiosamente alla mia attenzione. Un disco egregio, completamente strumentale che sa ritagliarsi quello che nei settanta si chiamava “spazio elettroacustico”. Sentite che formazione: basso, batteria, (naturalmente) chitarra, due violini, violoncello, sax alto ed undici tracce una più bella dell’altra in bilico tra RIO, Henry Cow, avanguardie novecentesche, rapidi sguardi alla Centerbury più trasversale: c’è lo stralunato bop di Saguenay Country Club che sa irrimediabilmente sgretolarsi in mille rivoli armonici (Zappa approverebbe!), Mon pays c’est une shop riesce nell’improbabile compito di declinare Fred Frith con Simon Jeffes così come Jumper le train de la Roberval-Saguenay. Eppure questo è solo uno dei volti possibili del chitarrista canadese… infatti se andiamo a ritroso lo possiamo rintracciare in Locomotive — 58:92 AM 2006 progetto ben più elettrico ed intriso di rock a suo modo ruvido e duro. Fin dall’inaugurale Avril-Mai si percepisce un grande tasso adrenalinico che il quartetto sa profondere con dovizia anche se la chitarra di André non perde nulla della sua cristallina pulizia (mentre quella di Claude Fradette certo non risparmia citazioni bluesy piuttosto marcate). Però con la successiva Le Train de l’est le cose si complicano assai: fraseggi più pesanti, persino violenti, con la voce dello stesso Duchesne a rendere ancora più sofferto il mood.

Sei anni più tardi troviamo il nostro alle prese con Réflexions — 57:53 AM 1999, ovvero quattordici intensi schizzi per chitarra acustica. Un lavoro che sa di introspezione e feconda solitudine. Una sorta di grande meditazione dove, però, qualsiasi compiacimento melodico-oleografico è rigorosamente bandito rimpallando al pigro ascoltatore fraseggi armonici che evitano accuratamente lo “scontato” e il luogo comune. Ascoltare per credere la superba sobrietà de Un après-midi à Paris oppure Vendredi soir en Andalousie con quelle sue dissertazioni deliziosamente notturne. Davvero un disco di grande impatto emotivo (per chi sa ascoltare non solo con il cuore ma anche con le sinapsi…).

Poi è il tempo di Polaroïde — 55:52 AM 2001 con il Nostro in trio (Jean René al sax alto e Pierre Tanguay alla batteria) ad anticipare paesaggi che verranno ripresi con maggiore varietà timbrica, appunto, nell’ultimo Cordes. E’, ancora, il trionfo dello spazio acustico e di un serrato interplay che conferisce suggestivi dinamismi alla dodici composizioni su qui aleggia, imperioso ed impalpabile, il profilo di Igor Stravinski e con lui l’elogio smodato alla musica in trio (“La composizione triangolare attraversa la musica come una meteora nella notte” scrive André nelle note interne). Come non rimanere scossi dalla lugubre luminescenza di Carnaval con quel suo incedere decadente e proteiforme? E come rimanere insensibili ai silenzi abissali di Polaroïde I?

Infine Arrêter les machines — 54:06 Auberge du repos 2006, innalza le lodi alla canzone deviata disegnando un bislacco ed affascinante pianeta dove si danno appuntamento il cantautorato colto e trasversale di un John Greaves e Peter Blegvad ma anche certe prospettive stralunate molto Slapp Happy il tutto condito con una francesità molto agrodolce… Musica silente, quasi in sottovoce che, proprio per questo, sa arrivare diritta al cuore. Gustare lentamente mentre il sole cala nel cielo di maggio l’acre sapore de La nuit longtemps oppure la sghemba poesia de Un bon matin… nell’attesa che il buon André ci mostri un suo nuovo profilo…

André Duchesne, ecco il nome che si dovrebbe appuntare chiunque voglia seriamente indagare sull’evoluzione della chitarra nella musica contemporanea.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.