La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Piercarlo Poggio, Blow Up, no 117, 1 février 2008

Un trio canadese d’archi colto al debutto. I temi sono composti dal contrabbassista Jean Félix Mailloux con mano sapiente e orecchie attente a quanto si ascolta ai nostri giorni. In certi passaggi pare di rinvenire echi della Penguin Café Orchestra come potrebbe risuonare oggi, immersa cioè nella temperie etnica che ci circonda. Reminiscenze classiche ben mascherate, situazioni da colonna sonora per un film esistenzialista, passi di valzer, gitanismi e profumi di musica ebraica non mancano di colorare il quadro d’insieme. Le percussioni di Pierre Tanguay aggiungono spessore e rendono concreto il tutto.

Reminiscenze classiche ben mascherate, situazioni da colonna sonora per un film esistenzialista, passi di valzer, gitanismi e profumi di musica ebraica non mancano di colorare il quadro d’insieme.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.