La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Nicola Catalano, Rumore, no 125, 1 juin 2002

Abbondanza di accostamenti di tal tipo la si trova nella doppia compilation The Freest of Radicals edita dall’etichetta canadese No Type, finora attivissima come label online con eccellenti MP3 scarcabili dalla rete (www.notype.com). In oltre due ore e mezza questa sorta di manifesto della nuova elettroacustica casalinga (con digressioni più o meno prevedibili: i contributi di Idmonster e Kanovanik flirtano, ad esempio, con la ballata rocks) allinea soluzioni di ispirazione quanto meno variegata, passando dal dub soffocato e soffocante del genietto Tomas Jirku alle croccanti textures di chitarra preparata, onde radio e strumenti non ortodossi di James Schidlowsky, passando per la proto-electronica di Camp, le delicate melodie di clicks di Claudia Bonarelli e gli intoppi microsonici di Dick Richards. Per la stesso marchio di Montréal esce anche Chemin de fer dell’autrice elettroacustica Magali Babin. Trascorsi nel gruppo femminile d’improvvisazione Les Nitroglycérins e collaborazioni con nomi del calibro di Tétreault e St-Onge, la Babin edifica pregnanti sculture sonore, pellicole acustiche contrappuntate da dettagli e risonanze timbriche ottenute con l’impiego esclusivo di oggetti metallici riciclati o reinventati.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.