actuellecd

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no 14:37, 1 décembre 2008

Pianista canadese di rara sensibilità ed apertura, Brigitte Poulin con questo suo primo lavoro solista propone una sorta di “collezione” di musicisti contemporanei che possano valorizzare al massimo il suo pianismo inquieto e proteiforme. I primi due movimenti sono riservati all’omonimo Edifices (naturels) di James Harley composizione che prende lo spunto dai paesaggi montuosi di Bryce Canyon. Atmosfere tardo novecentesche che incrociano l’espressionismo di marca shcoemberghiana con brandelli melodici più vicini alla scuola francese post-Satie. Più frastagliate ed eclettiche le Danses et interludes di Ana Sokolović strutturate in undici movimenti dalla difficile catalogazione se non quella di un utilizzo pieno della scala cromatica (i serrati fraseggi sulle note acute del quarto movimento restano memorabili) così come l’ostinata ricerca sospesa tra piano e pianissimo del quinto senza per questo rinunciare a quelle tonalità più alte, vera e propria caratteristica della compositrice serba. Contredanse du silène Badouny del canadese Denys Bouliane sviluppata in un unico movimento che dilata parossisticamente un tema basato su sedici note, presenta cadenze ritmiche molto ben marcate e sempre contraddistinte da un’incombente atonalità. Conclude l’album Finnegans Quarks Revival di Paul Frehner, (trentottenne musicista di Montréal). E’ la composizione più recente (2005-7) presente nel dischetto dove, accanto ad un indubbio virtuosismo viene tematizzata un evidente recupero della componente melodica che si articola in cromatismi ricchi di pathos. Insomma Edifices naturels si configura come un’opera prima dall’indubbio spessore artistico sia perché permette di incontrare le capacità interpretative di questa giovane pianista sia per lo sguardo che ci permette sul panorama attuale della musica colta.

Edifices naturels si configura come un’opera prima dall’indubbio spessore artistico…