La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no 13:36, 1 juillet 2008

Dietro alla sigla Quartetski Does Prokofiev in verità si cela un quartetto di jazzisti condotto dal contrabbassista/arrangiatore Pierre-Yves Martel che intende non solo offrire un tributo alla musica del grande compositore russo ma anche proporne una eccitante esplorazione. Perché, se proprio la vogliamo dire tutta, ogni tributo che si rispetti non deve riprodurre ma, riscrivendo, indicare nuovi approdi!

In effetti Martel si insinua del pentagramma prokofiefano esaltandone i silenzi, frammentandone i fraseggi, marcandone le melodie, sfumandone i cromatismi. Fin dall’iniziale Lentamente si può godere della peculiarità di questo dischetto: cioè gli impasti fiatistici tra la tromba di Gordon Allen e i sax/clarinetti di Philippe Lauzier (di cui abbiano dato conto del bell’esordio in trio qualche tempo fa) in bilico tra situazioni armoniche variegate e ben colorate dai piatti del percussionista Isaiah Ceccarelli. Un’atmosfera allarmante che si tuffa nella felpata partitura dell’ Andante mentre il contesto bandistico-destrutturato del Molto giocoso rivitalizza l’ascoltatore forse immalinconito da questa rilettura così rigorosa e borderline. Se l’Allegretto I trasuda di rinnovata energia, Con eleganza pare riscrivere certe pagine del tardo Stravinsky mentre Commodo (così nel titolo) riecheggia certo radical-jazz per fiati soli. Allegretto tranquillo, grazie al pastoso contrabbasso di Martel, disegna una sorta di ballata silente che contrasta ferocemente con l’atmosfera felliniano-circense di Ridicolosamente. Molto bello, poi, il sincopato contrappuntismo di Con vivacità così come l’andamento dolente (quasi funeralesco) di Assai moderato.

Con la speranza che quelle del Quartetski Does Prokofiev non siano visioni fuggitive ma inaugurino un nuovo modo di rileggere il nostro passato.

Dietro alla sigla Quartetski Does Prokofiev in verità si cela un quartetto di jazzisti condotto dal contrabbassista / arrangiatore Pierre-Yves Martel che intende non solo offrire un tributo alla musica del grande compositore russo ma anche proporne una eccitante esplorazione.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.