La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no 13:36, 1 juillet 2008

A ben dieci anni dall’ottimo Torticolis ritorna il quintetto guidato da Jean Derome, (poliedrico fiatista canadese) questa volta caratterizzato da una maggiore propensione verso un jazz “dilatato” anziché (come nell’uscita precedente) “contaminato”. Innanzitutto colpisce la scrittura meticolosa di Jean: temi finemente lavorati attraverso il paziente intarsio fiatistico tra i sax e il flauto del leader con il trombone del sempre ottimo Tom Walsh mirabilmente sostenuti da una sezione ritmica dotata di grande versatilità: propensione improvvisativa non disgiunta da una costante ricerca lirico/melodica. Mi riferisco al piano di Guillame Dostaler (subentrato alla chitarra di René Lussier), alla batteria di Pierre Tanguay e, infine, al ben noto Pierre Cartier (basso e voce). Il risultato è un cd assai compatto costituito da sei tracce aperte dall’arioso tema di Hiboux (paradigmatico esempio della sinergia prodotta dalla coppia Derome/Walsh) su sui si insinua il meditativo basso di Pierre e il liquido percussionismo di Tanguay. Nez qui coule sviluppa un tema piuttosto contorto esposto dal trombone e sostenuto dal piano di Dostaler con accordi molto essenziali e profondi, da qui il dipartirsi di un reticolo variegato di percorsi solistici senza mai perdere, però, un rigoroso sguardo d’insieme. Da ricordare anche l’esuberante energia collettiva (una sorta di “post-bop”) di To Continue introdotta da una gustoso pastiche vocale del “quintetto tutto” così l’insistito contrappunto de Cogné un genou. Se l’atmosfera malmostosamente notturna de La Grenouille et le Bœuf ricorda da vicino di lavori solisti di Pierre Cartier (qui impegnato anche alla voce) Prières, una sorta di ballata destrutturata e silente, chiude degnamente questo quarto capitolo dei Jean Derome et les Dangereux Zhoms.

A ben dieci anni dall’ottimo Torticolis ritorna il quintetto guidato da Jean Derome, (poliedrico fiatista canadese) questa volta caratterizzato da una maggiore propensione verso un jazz “dilatato” anziché (come nell’uscita precedente) “contaminato”.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.