La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Piercarlo Poggio, Blow Up, no 119, 1 avril 2008

Sergei Prokofiev (1891-1953) fra espatrii, ritorni, stroncature feroci e medagli al valore trovò il tempo di scrivere molte pagine di musica da camera tra cui si possono ritenere i quartetti per archi, i Sarcasmi op. 17 e le Visioni fuggitive op. 22, in origine pensate per il pianoforte, ma spesso e volentieri trascritte nella seconda metà del Novecento per ampi ensemble. Il Quartetski di Gordon Allen (tromba), Isaiah Ceccarelli (batteria), Philippe Lauzier (sax e clarinetti) e Pierre-Yves Martel (contrabbasso) va ancora un passo oltre e si lancia in una rivisitazione jazzistica. Della composizione originaria, scritta da Prokofiev nel 1917, non proprio un anno qualunque, rimane l’agitazione di fondo, la sovversione ritmica, i fitti cambiamenti di colore e umore, resi dal Quartetski con molta attenzione e partecipata adesione. Il suono d’insieme non è mai esageratamente ostico e in particolare la tromba si ingegna di isolare gli attimi di introspezione onirica. In sostanza, esperimento riuscito, ma non abbiamo ben compreso perché anziché venti, come dovrebbero essere, i quadretti prokofieviani sono solo diciotto. (7/10)

… esperimento riuscito…

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.