La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Enrico Bettinello, Blow Up, no 119, 1 avril 2008

Torna dopo un silenzio di dieci anni uno dei progetti più stimolanti dell’instancabile sassofonista canadese Jean Derome: i suoi Dangereux Zhoms — nei quali troviamo altri nomi imprescindibili della scena Ambiances Magnétiques come il trombonista Tom Walsh e il batterista Pierre Tanguay — sono un organico che ama fondere l’improvvisazione e la scrittura contemporanea, rincorrendo con felice sintesi le più disparate possibilità lessicali della musica di oggi. Sei composizioni di Derome, terreno di splendide invenzioni, irrequiete e coinvolgenti, in grado di abbracciare un testo di Richard Serra come una favola di La Fontaine, per un lavoro ad alto tasso creativo. Ottimo! (8/10)

Troviamo il batterista Tanguay anche in Yul/Departure, disco pubblicato per la Malasartes Musique, una consorella della Ambiances, in trio con il bassista Michel Mergaerts e il sassofonista belga Erwin Vann. Personalità differenti che si mettono al servizio reciproco, nulla di particolarmente nuovo o imperdibile, ma non mancano energia e sfumature davvero azzeccate. (7/10)

… un organico che ama fondere l’improvvisazione e la scrittura contemporanea, rincorrendo con felice sintesi le più disparate possibilità lessicali della musica di oggi.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.