La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no 119, 1 avril 2008

Diane Labrosse ha avuto un’idea simpatica, originale, delicata, tenerissima. Creare una “musica per oggetti che stanno per scomparire”: otto tracce dedicate a sveglia, moka, registratore a nastro, telefono analogico, TV in bianco e nero, stampante, segreteria telefonica, calcolatore elettrico. Come portare a termine la missione? Registrando i rispettivi suoni-rumori e musicandoli assieme a un ensemble di sei esperti musicisti come Marie-Soleil Bélanger (violino), Jean Derome (flauto e trombetta vocale), Bernard Falaise (chitarra elettrica), Lori Freedman (clarinetto), Jean René (viola) e Pierre Tanguay (percussioni); per sé Diane riserva la fisarmonica. La connessione diretta tra le musiche proposte e i rumori ad esse connessi sfugge (al di là della malinconia di fondo di tutti i pezzi) ma non è ovviamente questo il punto. Tutto ruota infatti intorno ai suoni messi in campo, sempre semplici e nudi di fronte al doloroso annaspare degli oggetti morenti: un metronomico battito di corde (Le réveille-matin à tic-tac, Le magnétophone à ruban), un violino colmo di nostalgia (Le moulin à café manuel, splendida), il melodrammatico incombere di soffi di fisarmonica (Le téléphone à cadran rotatif), il disperato urlo del clarinetto nel mezzo di un caos primordiale (La télé noir et blanc), il flauto che galleggia tra le compressioni ritmiche di una formidabile progressione minimal techno (L’imprimante), l’abile goffo rigurgitare delle note basse di una chitarra (Le répondeur à cassettes), la viola e la fisarmonica che stendono un telo ambient avvolgendo il brulicare di una calcolatrice (Le percolateur électrique). Spesso, tra i pezzi, lo squillo di una sveglia che avverte “memento mori” ai trapassandi. Struggente. (8/10)

Diane Labrosse ha avuto un’idea simpatica, originale, delicata, tenerissima. Creare una “musica per oggetti che stanno per scomparire”: otto tracce dedicate a sveglia, moka, registratore a nastro…

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.