La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, 1 novembre 2007

C’è chi dice che il dvd tolga qualcosa alla magia dell’ascolto. Forse può essere vero in alcuni casi ma non per questa documentazione video del concerto tenuto dal trio francofono Jean Derome, (sassofoni, flauto, voce), Normand Guibeault (contrabbasso) e Pierre Tanguay (percussioni) il 29 giugno 2006 al Festival del Jazz di Montréal che risulta essere particolarmente preziosa e coinvolgente. Infatti, buona parte dell’energia profusa in quel giugno canadese rimane felicemente impressa nell’ora abbondante che questa nuova uscita dell’Ambiances Magnetiques ci regala. Innanzitutto è molto suggestivo assaporare il modo con cui questo combo “borderline” si confronta con alcuni classici (più o meno recenti) della storia del jazz: come la selvaggia essenzialità dell’approccio a due “mitiche” composizioni di Eric Dolphy: Miss Ann e 245, mentre è il drumming scrosciante di Tanguay ad introdurre il più classico degli autori classici: Duke Ellington con la sua Fleurette Africaine ovvero il blues africaneggiante del Duca passato con lo “scanner destrutturate” dei Nostri attraverso un inedito tappeto percussivo argutamente rinforzato dai densi panneggi contrabbassistici di Guibeault ed il flauto stralunato di un Derome semplicemente strepitoso! Non da meno la riproposizione della sommessa contabilità di A Bit Nervous del grande pianista olandese Misha Mengelberg tutta giocata sulla felpata sezione ritmica e il baritono di Jean che non smette di stupirci con la sua performance vocal-recitativa-flautistica di Jitterbug Waltz di Fats Waller. Poi è il bebop più rassicurante del dittico My Melancholy Baby (dove c’è lo zampino del grande Lennie Tristano) mentre viene lasciato uno spazio piuttosto marginale alle composizioni originali del gruppo: solo due ed entrambe firmate dallo stesso Derome: la spumeggiante Étymologie (manifesto tributo a Ornette Coleman) e la conclusiva Fluide che combina elementi più free a spasmi dal vago sapore bandistico. Ottimo strumento per chiunque voglia ricostruire l’etimologia del Derome & Co!

Infatti, buona parte dell’energia profusa in quel giugno canadese rimane felicemente impressa nell’ora abbondante che questa nuova uscita dell’Ambiances Magnetiques ci regala.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.