La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Luca Conti, Musica Jazz, no 63:3, 1 mars 2007

Due autentiche orge clarinettistiche sono il tratto dominante di questi ottimi album. Nel primo, Lepage (uno dei fondatori, assieme a Lussier, del collettivo Ambiances Magnétiques, e titolare di oltre una dozzina di album per l’etichetta omonima) esplora - in maniera postmoderna ma non troppo - il repertorio e la poetica di un genio come Pee Wee Russell, musicista trasversale e fuori dal tempo se mai ve ne furono, e lo fa coinvolgendo altri sei colleghi di strumento tra i quali è certo Houle il più noto, anche dalle nsotre parti. Le uniche due incursioni nel repertorio di Russell, in realtà, sono quelle che aprono e chiudono il disco (Pee Wee’s Blues e Muskogee Blues), mentre gli altri dodici brani, tutti composti dal leader, formano una sorta di blues suite che si muove sorniona e ammiccante come una di quelle palle di vetro che, capovolte, lasciano cadere la neve. Con un po’ di immaginazione, si può pensare che questa è la musica che avrebbe fatto Russell nel ventunesimo secolo e, forse, non saremmo tanto lontani dal vero. Il ruolo di Lussier è quello del guastatore, del granello di polvere nell’ingranaggio, a metà strada tra Freddie Green e Eugene Chadbourne. Forse il gioco è tirato un po’ troppo per le lunghe, soprattutto per una certa uniformità di fondo, ma è senza dubbio condotto con maestria. […]

Con un po’ di immaginazione, si può pensare che questa è la musica che avrebbe fatto Russell nel ventunesimo secolo e, forse, non saremmo tanto lontani dal vero.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.