La boutique des nouvelles musiques

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no 103, 1 décembre 2006

Non abbiamo ben capito ancora se la ramificazione dell’associazione DAME in sub-etichette specializzate sia un modo per rendere più organico la variegata produzione musicale delle “musiche attuali”, oppure per confondere. Vedremo. Per il momento vi proponiamo qualche vagito dalla neonata Malasartes Musiques, che sembra orientarsi verso un jazz conversazionale. Fondatore di Malasartes è proprio il sassofonista Damian Nisenson, nato argentino, cresciuto europeo e “attualmente” residente a Montréal. Il suo trio stinge nei pastelli d’un Europa tardo autunnale (ossia del Quebec) le melanconie gastriche del Sud-America e mesce un blend tonale e da camera dove ricorrono suggestioni carovaniere con cadenza di tanghi narcolettici (Hanne), o danze del ventre al ralenti (Ojosrojos, Have a Smoke), cimenti etnici (Druse dubke), morbidi abbracci à la rumba (Nikadance). Il timbro del sax è caldo, pulito e confidenzialmente grasso. Giusto ogni tanto s’imbizzarrisce e ne vorremmo di più, d’impennate. Il contrabbasso di Mailloux è quasi un lubrificante. Tanguay ci pare straordinario come sempre: accompagna, sostiene, colora in empatia con finta flemma una muzika che non ci sconvolge ma ci massaggia piacevolmente le reni. Dal vivo, si dice, è altra storia.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.