La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Vittore Baroni, Rumore, no 170, 1 mars 2006

L’area di Montréal è da tempo teatro di un’effervescente scena sperimentale, grazie a etichette nate sull’esempio della veterana Ambiances Magnétiques e a gruppi oggi noti anche oltre confine come Godspeed You! Black Emperor o Klaxon Gueule. Da questi ultimi proviene il chitarrista (e molto più) Bernard Falaise, che su istigazione di Fabrizio Gilardino (voce e elettronica), italiano da tempo trapiantato in Canada, ha dato vita al side project Foodsoon, che si avvale anche del batterista Alexander MacSween, vera macchina propulsiva e tornado di trovate ritmiche.

A contraddire l’evanescenza di tanta esangue post/elettronica, in 41’ di infiammate e travolgenti invenzioni il trio punta ad un avant-rock immediato e ad alto volume, che recupera la fisicità strumentale e il gusto dell’assalto tribal-improvvisativo del primo industrial (Einstürzende Neubauten, Swans), ma anche l’ardita ridefinizione di formati e confini dell’universo rock di campioni del krautrock come Faust e Can o fuoriclasse new wave quali i This Heat, il tutto “impaginato” in un sound design contemporaneo segnato dal lavoro ai nastri di Gilardino.

Affascina anche l’uso singolare e purtroppo limitato delle voci, tra gutturalismi e versi sghembi all’unisono. Un debutto coi fiocchi, insomma, che sarebbe un crimine non dotare al più presto di un seguito. (4/5)

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.