La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Alessandro Achilli, Musica Jazz, no 667, 1 mars 2006

Rispetto ai testi poetici che stanno alla base di AnteNata, la musica non è banalmente descrittiva né si sforza di seguirne pedissequamente l’impianto: anzi li destruttura e rimonta sovvertendo l’ordine delle strofe, eliminandone alcune, ripetendone altre (talvolta anche in traduzione italiana, che altrove si sostituisce in parte o in tutto all’originale) o giustapponendole a strofe di altre poesie. La voce vi si muove sicura, confidando su una tecnica superlativa e una bella varietà di registri nel cantato, sull’impostazione teatrale (fin troppo evidente) dei recitativi e sulla padronanza di più lingue: nata a Zurigo da madre italiana e padre svizzero tedesco, Sabina Meyer può permettersi di interpretare in lingua originale Ingeborg Bachmann, Simone Weil, Meret Oppenheim, Patrizia Cavalli e Patrizia Valduga, ricorrendo alla traduzione italiana per le russe Anna Achmatova e Marina Cvetaeva ma non sempre per le statunitensi Sylvia Plath e Anne Sexton. Le musiche si devono in buona parte alla penna di Daniela Cattivelli, che (come già nelle Fastilio) mostra in più occasioni affinità con la miglior Lindsay Cooper: soprattutto in Swimming (dove l’impasto sax-chitarra-violino ricorda anche gli ultimi Henry Cow e i primi Art Bears, evocati pure da Reigas, con cantato molto eisleriano), in My Boyfriend (il riff di sax, violino e basso) e in Jamais de la vie (persino nel timbro della tastiera), la cui melodia segmentata ha però anche qualcosa del Frith di Technology Of Tears. Non sono firmate dalla sassofonista Figlia (sorta di habanera che fa incontrare Weil con Weill), le improvvisazioni collettive di Bufera (poi imbrigliata dalla voce) e Sommer (che contiene anche parti scritte, quasi cameristiche), e alcuni siparietti a formazione ridotta (fino al duo), con la voce volentieri elaborata elettronicamente e un contorno di moderni ronzii, crepitii, contatti elettrici aperti e chiusi. Fresco e creativo è sempre l’apporto di tutti i musicisti, con uno Spera «ritmico» che si vorrebbe sentire più spesso e Berardi, Caric e Galantino anche solisti ben lungi dai cliché. Oltre che da Swimming, gli esiti più felici vengono da due brani – Allergic/Green Sounds e lo strepitoso My Boyfriend – con testi delle stesse Meyer e Cattivelli (più un paio d’amici) che paiono più sciolte, allegre, spigliate, sia nella musica sia nel cantato: forse perché libere dalla soggezione verso la Grande Poesia?

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.