La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Gino Dal Soler, Blow Up, no 91, 1 décembre 2005

Different Trains è una delle composizioni più celebrate di Steve Reich, per nastro magnetico e quartetto d’archi, dove sono proprio i nastri di brani parlati a dar vita al materiale per il quartetto d’archi. In quei nastri Reich (ebreo) mixava le proprie memorie d’infanzia tra New York e Los Angeles con quelle dei sopravvissuti all’olocausto, una rete densa di voci, suoni di treni, ritmi. Per quest’occasione il quartetto Quatuor Bozzini ha registrato quattro parti per archi di cui una suonata live e le altre provenienti da nastro. Different Trains per quanto acclamata non è onestamente tra le mie composizioni preferite di Steve Reich, ma al Quatour Bozzini va il merito di averla ripescata 15 anni dopo quella del Kronos Quartet e molti fans so che gradiranno. (6/7)

Le Quatuor Bozzini a eu le mérite de reprendre cette œuvre quinze ans après le Kronos Quartet et je suis certain que bien des fans de Steve Reich leur en sauront gré.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.