La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Marco Carcasi, Kathodik, 8 septembre 2005

La realtà muta continuamente a seconda del punto di osservazione. Una strada non è soltanto una strada, è stata montagna, foresta, probabilmente mare aperto; forse anche poco più di nulla.

Il concetto di tempo stesso il più delle volte non è altro che un puro distillato di commercio che poco aggiunge alla vita di un individuo; anzi! Martusciello, Lella e Fega paiono estremamente consapevoli della doppiezza che si agita sotto ogni cosa ed evento, nella loro produzione in solitaria risulta evidente la continua necessità di travalicare gli schemi abusati di certa impro elettroacustica, il modello ideale è la perdita; non la certezza.

Il linguaggio di questa uscita unitaria sembra ampliare di molto le singole prospettive offrendosi come ipotetico specchio convesso generante visioni alterate della realtà circostante. Il passaggio di Ad Esempio con la sua linea clarinettistica sibillina a punto interrogativo che si muove su una serie di disturbi di fondo è esemplare nel suo incedere enigmatico, gli scossoni in lontananza paiono reali disturbi del quotidiano che irrompono sulla scena; un cattivo sogno consapevole di essere cattivo?

Probabilmente si.

Quando in Eme, fra silenzi e disturbi vari una voce femminile esclama, scamorza e prosciutto prima di essere reingoiata dal suono tutto si chiarifica come d’incanto.

Ipotetica colonna sonora per documentario su un Miles Davis che non produce una nota, ipotetica colonna sonora per un documentario sui Throbbing Gristle alle prese con il sugo per la pasta durante le registrazioni di "20 jazz Funk Greats"; ipotetica colonna sonora per un film che deve essere ancora girato.

Perfetta conchiglia da accostare all’orecchio in caccia di tesori nascosti, se poi si sente il rumore del mare o meno questo non è un problema; l’importante è la conchiglia e quel che si vuol sentire.

Il resto arriverà in seguito da solo, in un’altro momento e non richiesto. Le contorsioni lunari o circensi a seconda del proprio stato d’animo che agitano Dipinto sul Nulla sono, se possibile, l’ennesima conferma di quanto si diceva prima.

Il travalicamento del vedere e sentire.

Una strada che parte come strada e poi si tramuta all’improvviso in bosco e poi diventa pietra e poi torna ad essere strada.

Senza ombra di dubbio uno degli snodi cruciali della nostra contemporaneità nostrana.

Uscite e fatelo vostro ad ogni costo.

Voto 8

Senza ombra di dubbio uno degli snodi cruciali della nostra contemporaneità nostrana.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.