La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Etero Genio, Kathodik, 8 septembre 2005

Attendevo con una certa curiosità questo esordio del trio (quasi) romano, e l’attesa è stata ampiamente ripagata da un CD pubblicato con il prestigioso marchio canadese della Ambiances Magnétiques. A Global Taxonomical Machine è, assecondando l’idea della eccelsa confezione, un disco di graffiti sonori, scampoli in perenne bilico fra ordine e disordine: più il loro stato di equilibrio appare precario e più il loro aspetto risulta affascinante. Un’altra nota riguarda le strutture che, per quanto ardite, non prevaricano mai il piacere dell’ascolto. La prima pista, Bear Witness Against Themselves, fa immediatamente eco alle mie parole, con quel suo tema da zampognari che si perde, si dissolve, in grumi di voci incontrollate, colpi di tosse e risonanze metalliche. Light the Fires of Insubordination mantiene la tensione piuttosto alta, con uno spericolato contrasto fra una prima parte molto rumorosa ed una seconda dalle pulsazioni impercettibili, quasi silenti. Ma è nella bellissima melodia tracciata dal clarinetto (Roberto Fega?) e continuamente ‘svergognata’ da suoni illogicamente a-melodici, (Ad Esempio, che il trio raggiunge il suo vertice espressivo. Dopodiché ogni probabilità entra nel limite del possibile, anche il ritmo classicamente jazzy sottinteso nella sezione iniziale di Dipinto sul Nulla… ma questo ‘avant le désastre’, cioè prima che un voltafaccia trasformi lo stesso titolo in una cosa che rolla come fosse una Gimme Some Lovin’ per la città dell’utopia digitale. È così che Behind Me, una sottile lezione di ambientologia minimale, finisce per essere il momento più scontato di tutta la raccolta. La tensione torna subito su alti livelli con Eme, il pezzo più aggrovigliato e ricco di variazioni, un autentico colpo basso ad ogni idea di stabilità. Segue un breve tratteggio ripetitivo intitolato Exaust Utopias e un frammento di otto secondi ricollegabile a In primo luogo degli Starfuckers (Creare Metafore). Il disco si chiude sulle avvolgenti linee secanti di Euglena che, insieme a Ad Esempio, candiderei per il podio. Un disco super consigliato e da affiancare, nel caso vogliate approfondire, ad alcune ottime realizzazioni soliste dei tre musicisti: Unoccupied Areas (ReR) di Elio Martusciello, Arg (SIRR.ecords) di Arg/Graziano Lella e Metafonie (Aleatory prod.) di Roberto Fega.

Voto 8

Un disco super…

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.