La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Ruggero Formenti, Agartha, 27 mars 2003

Malgrado sia stato registrato nel 2001 questo piccolo gioiellino canadese a nome Rouge Ciel si rende reperibile solo attualmente. Il disco, pur affondando le radici nel folk di natura francofona, è un lavoro assai colto, pienamente progressivo, con un tessuto compositivo variegato, influenzato dagli aspetti più positivi dell’avanguardia contemporanea, venato di jazz ed arricchito da una forte attitudine al dialogo strumentale tipica di certa musica cameristica. Se qualcuno di voi ricorda i Conventum, la parentela risulta evidente, ma Rouge Ciel ha molto più peso ritmico ed influenze a 360 gradi.

Brillante, colto ed emozionante, un disco di razza al di sopra di ogni sospetto e gusto personale.

Ed infine ci sembra doveroso ricordare come questo gruppo sia stato portato alla nostra attenzione dai grandi Miriodor (filo elettrico sulle “bolas” bagnate per chi non li conoscesse), nel cui ultimo lavoro troviamo in veste di collaboratore Nemo Venba, cioè il trombettista dei Rouge Ciel.

A buon intenditore poche parole: consigliato.

Brillante, colto ed emozionante, un disco di razza al di sopra di ogni sospetto e gusto personale.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.