La boutique des nouvelles musiques

Fabrizio Gilardino Autres articles écrits

La presse en parle

Recensione

Fabrizio Gilardino, Musiche, no 18, 1 juin 1997

Recensione

Fabrizio Gilardino, Musiche, no 12, 1 juin 1992

— andva di pari passo con la promozione a tambur battente de Le trésor de la langue di René Lusebr (proposto per la prima volta in versione live), I’awenimento del nono FIMAV.

Il concerto (Lussier era accompagnato da Jean Derome, Alain Trudel, Pierre Tanguay, Bob Ostertag, Richard Desjardins e Jean-Frangois Martel) è parso piuttosto buono, anche se non ottimo; ai frammenti parlati del disco, che era possibile ritrovare in gran numero, il chitarrista aveva aggiunto una nuova serie di testi preparati insieme a Desjardins, estremamente critici nel loro rifarsi ad episodi della storia della provincia francafona del Canada, e soprattutto molta musica inedita, per rendere Le trésor de la langue più appetibile. Ed è la caleidoscopicita di Lussier che ne è uscita collage di voci, brani rock, alcuni addirittura quasi hardcore, languidezze countryeggianti, jazzismi d’ogni sorta, cambiamenti improvvisi e radicali à la Zorn, zappismi hot rats qua e là come le ciliegine sulla torta. Un vero peccato quindi, che questa pasticceria ci sia rimasta sullo stomacQ. L’esibizione di Lussier, infatti, era presentata dal Fimav in collaborazione con la Société Saint Jean-Baptiste. Campionessa del nazionalismo più becero e xenofobo, fautrice d’una politica di limitazione all’affluire d’immigranti nel Québec (in ispecie coloro che si macchiano del crimine intollerabile di non parlare francese), cosa ci faceva la Société Saint Jean-Baptiste al Fimav, il cui motto, quest’anno era «Musica senza frontiere»?

Non ci pare che l’abbattimento delle frontiere si concilIi con l’idea stessa di nazionalismo, qualunque esso sia, anzi…

Ed è stato per lo meno awilente constatare che nessuno ha avuto nulla da ridire su questa «simpatica» iniziativa, neppure lo stesso Lussier.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.