La boutique des nouvelles musiques

63 apparitions Michel F Côté

Musique cannibale, regards socratiques.

Dans une filiation qui va de John Cage à Érik Satie, Michel F Côté a créé un ensemble de quinze situations inter-reliées. Terrains vagues, nostalgie des rouages d’aciers, temps perdus, mécanique désuète, mélodies redondantes, sourires jaunis des vieilles images: 63 apparitions est un catalogue de musiques fantomatiques. Ce sont des choses qui arrivent.

  • &records
  • ET 02 / 2004
  • Durée totale: 38:47
    • 1
      2.5 (2004), 2:06
    • 2
      3.3 (2004), 3:09
    • 3
      2.1 (2004), 2:09
    • 4
      1.2 (2004), 1:14
    • 5
      2.4 (2004), 2:06
    • 6
      1.3 (2004), 1:06
    • 7
      3.4 (2004), 3:06
    • 8
      1.4 (2004), 1:06
    • 9
      4.2 (2004), 4:06
    • 10
      3.2 (2004), 3:05
    • 11
      5.2 (2004), 5:14
    • 12
      2.2 (2004), 2:07
    • 13
      2.3 (2004), 2:06
    • 14
      1.5 (2004), 1:07
    • 15
      5.1 (2004), 5:00

63 apparitions

Michel F Côté

Quelques articles recommandés

La presse en parle

Review

Seth Watter, Meshes of the Afternoon, 17 juin 2007

An obscure and unfortunately neglected record by key Ambiances Magnétiques player Michel F Côté, 63 Apparitions (&records, 2004) was originally written as a choreographical piece performed in Montréal. While I have no idea what the visual counterpart may have been or the significance of its title, I do know that this is stunningly beautiful music that deserves to be reappraised. Composed by Bruire frontman Côté and sounding very much like a continuation of his work in Klaxon Gueule, 63 Apparitions also features the playing of Christof Migone and labelmate Martin Tétreault on various objects, as well as the unrecognizable voice of AM staple Diane Labrosse. The fifteen brief tracks here all begin and end quite awkwardly, as if a continuous recording had been separated into pieces and re-shuffled. Côté’s main axe is the drum, but you’d be hard-pressed to tell from this strange melange of percussion, electronics, piano, vocal manipulations and orchestral samples. Everything sounds remarkably organic, blending the electronic and the acoustic into a fluid whole.

Tracks 1-8 puff along in a kind of jerky stop-start mode, reaching interesting plateaus but never quite building to a climax. Even with the intrusion of classical music by track 9, there is never the sense of resolution, as what sounds like a melancholy excerpt from one of Gorecki’s string quartets — though I’ve read only Cage and Satie listed as sources — is quickly eclipsed by Côté’s trademark electronic gurgle and twittering sine waves. A sample is never allowed the freedom to play for more than a few phrases at a time, deferring importance to the insect-like buzzings of Côté’s setup. Not a quoter, Côté’s use of prerecorded music turns those fragments into dreamlike snippets from elsewhere, fully absorbing them into his own aural narrative. He gradually effaces the sound of strings and woodwinds beneath oscillating tones and rough scrapes; noises equivelent to fireworks (track 1), accordions (track 8) and airplane motors (track 11) prevent the music from reaching a maudlin conclusion. And it is always the orchestra that sounds bland and repetitive, never the “lesser” instruments of the computer and the mixing board.

As I walked around Yonkers, NY’s Untermyer Park today, a space I’ve known intimately for the past fifteen years, I listened to the snatches of melody 63 Apparitions offered up through my headphones. Untermyer is filled with ruined and decaying buildings, overgrown vegetation and crumbling faux-Roman architecture. I couldn’t help but thinking that Côté’s music provided my stroll with a perfect soundtrack, appearing before me as the fragments of a damaged landscape whose former splendor was now buried beneath layers of grime. Far from robbing the original of its beauty, the new elements accumulating atop it had turned it into something even more beautiful, with so much texture concentrated in each surface that I broke off a piece of the pool’s flooring with the heel of my shoe to pocket and take home with me. And I again came to the realization that music is that which helps animate the mute ugliness of the world around us: one view, a thousand notes.

Everything sounds remarkably organic, blending the electronic and the acoustic into a fluid whole.

Kritik

Rigobert Dittmann, Bad Alchemy, no 52, 1 novembre 2006

63 apparitions (&02) ist Michel F Côté elektroakustische Tonspur für eine Tanzchoreographie, wobei der akustische Moment hauptsächlich von Piano und Kleinstpercussion bestritten wird, eingesponnen von einer Mixtur aus elektronischen Fetzen und Bräseln, in die Côté noch Zuspielungen einiger Freunde integrierte, Samples, Motärchengeräusche und Gekruspel von Diane Labrosse, Christof Migone und Martin Tétreault. Welche Rolle Cageund Satie dabei spielten, bleibt für mich im Unklaren. In den durchwegs diffus rauschenden, mikrophon zischelnden, schnurrenden oder bitzelnden Geräuschfond sind einzelne Pianonoten getupft und sporadisch erklingen Sounds wie von einer Orgel(?) oder Melodica(?). Noch mehr lassen mich dazwischen romantische Orchestersamples den Kopf heben. Man schaut um sich und staunt über solche melodiäsen und feierlichen Einbrüche, akustische Fata Morganas, deren Gaukelei bei Track 10 mit seinen wehmütigen Fetzen Alter Musik selbst einen Hl. Antonius nicht vällig kalt gelassen hätte. Der dünne, eindringliche Melodica-oder Harmonikaton kehrt wieder, einsame und monotone Pianopongs in Einfingertechnik, simpel, aber effektvoll, gefolgt von eifrig und stottrig kullernder elektronischer Percussivität. Für’s Finale lässt Côté dann noch einmal Geigen loopen und das Piano halbe Tonleitern klimpern, durchsetzt von rumorenden Stärungen. Ich stolpere ja selbst über meinen grob codierten Resonanzboden, auf dem ein bisschen Streichertristesse und Gefiepe gleich Wehmut ausläsen, Geknurspe aber auf einen Stärungsfilter stässt. O sancta simplicitas, o alter Adam.

Review

Dolf Mulder, Vital, no 539, 16 août 2006

Of course you often use the ‘&’ sign, but it’s less known that it means ‘Et’ from Mediaeval times, and means of course ‘and’. &Records is a label from Montréal, and in all five of the current releases you can find musicians from Montréal, and the broadest description would be to say that they all play improvised music, each in their own specific way. Not that every release is fresh, and let us once again state: Vital Weekly doesn’t like reviewing three years old releases, and good idiots as we are, we still do that. There is/will be a time, when we will ignore them.

The release by Bob is the oldest, from 2003. Bob is Éric Bernier (voice, computer, machines), Michel F Côté (computer, machines, rare back vocals), Guy Trifiro (computer, machines) who are helped by Jean Derome (baritone saxophone, bass flute, piccolo), Bernard Falaise (electric guitar), Normand Guilbeault (contrabass) and Alexandre St-Onge (electronics). Like we will see on some of the other releases, the voice plays an important role for Bob, but inside Bob it is the most clear example of voices that originally come from popmusic, or rather postpunk music. Also the music hints in that direction. Very ‘London’ like post punk music, with rhythms, bass, guitar and of course singing by various voices. But then, except the singing, all played on a bunch of modern day machines. It’s quite nice, well produced, certainly sounding outdated, but it’s a great release. Very pop with a great touch of experimentalism.

Martin Tétreault is of course a well-known turntablist, who not just spins records but also the turntable itself. From three solo concerts he made recordings and gave them to one Bernard Falaise, who in turn selected 33 short fragments between 5 and 40 seconds, 11 per concert. These were then used in the eleven, three minute pieces on Des Gestes Défaits. Conceptually alright, but I must say it also works out musically quite well. It’s a highly intelligent composition of turntable sounds, that is rhythmic, at times noisy and at times introspective. A powerful release of cracking analogue sounds colliding in a digital world called the computer.

Although the name Michel F Côté rings a familiar bell somewhere, I am not sure if I heard some of his music before. He is one of the two directors of the &Records label. 63 Apparitions was written for a choreography and Côté plays electronics, computer, percussion, piano and voice and gets help from Diane Labrosse (voice), Christof Migone and Martin Tétreault (both on objects) and uses music from John Cage (his ‘Érik Satie’ piece) and Érik Satie (the ballet Socrate). It’s hard to say what the choreography is about (if I would understand choreography at all, really), but the music is very nice: it sounds like a bunch of clockworks going down, hectic percussive sounds, banging on all sorts of small objects and speed up sounds of mechanical toy music. At times highly vibrant and jumpy, but here to the softer parts are equally nice.

Klaxon Gueule is a trio of Michel F Côté (percussion, electronics, voice), Bernard Falaise (guitars, piano), Alexandre St-Onge (bass, electronica, voice). The voices seem important but they hardly sound like real voices: they are heavily processed or may be the singers are highly possessed and make their own transformations in sound. The music is a combination of improvised music bumping up to the ideas of musique concrete. At times acoustical, at times electrical, and at times a bit boring. Not every second on this CD could interest me, and it stayed too much on the same level, with grabbing the listener very much. Occasionally also a bit too regular in terms of improvisation for me. Having said that, there are also quite captivating moments here, so I’m left with rather mixed feelings.

The latest release is by Foodsoon, a trio of Bernard Falaise (guitar, bass, keyboards), Alexander MacSween (drums, piano, keyboards, vocals) and Fabrizio Gilardino (prepared tapes, electronics, vocals). This is by far the most rocking release of the lot. Foodsoon is a rocking trio that use the method of heavy rock drumming, in combination with a love of improvising sounds on their guitars and keyboards. It makes Foodsoon standing in a long tradition, from anywhere from The Beatles to Sonic Youth to any current day post rock band, but they do a nice job, and one that is not entirely on the well-went paths of other groups. It seems that sometimes the sense of experiment prevails, but then it might as easily burst out into another furious banged rhythm. Perhaps at those times it’s a bit too rock for me, but throughout I thought this is most enjoyable disc.

Disques

Pierre Durr, Revue & Corrigée, no 68, 1 juin 2006

Avec ces deux enregistrements, le musicien québécois nous offre deux univers totalement différents. Sans prétention avant-gardiste, Flat Fourgonnette est une collection de pièces à la mode country / folk / rock / blues aux mélodies parfois empruntées aux Irlandais. Elles présentent une évocation du Middle West et des hautes prairies de l’Ouest américain, avec ses cow-boys, ses Indiens (Sitting Bull), ses filles de saloon… Réalisées avec six partenaires et divers emprunts, elles exhalent un parfum d’authenticité et un enthousiasme non dénué d’humour.

Conçues pour un spectacle chorégraphique, dans lequel Michel F Côté intervenait aussi pour la conception, les 63 apparitions constituent un travail sonore plus expérimental et plutôt étrange fait d’échantillonnages, de sons électroniques, de claviers et de divers objets électriques, avec des références plus particulières au Socrate d’Érik Satie et sa transcription par Cage. Un peu plus courte, semble-t-il, que sa version live, la trame sonore mêle diverses musiques, pour proposer une sorte de jeu chorégraphique dans lequel chacun des cinq solistes choisit sa partition, apparaît (ou disparaît) en fonction de cette trame sonore à cinq repères… D’où le titre de 63 apparitions.

Recensione

Alfredo Rastelli, Sands Zine, 30 décembre 2004

Dopo l’esordio dei Bob (Unstable Friends) arrivano adesso due nuove produzioni targate &records, etichetta canadese fondata da Fabrizio Gilardino e Michel F Côté (negli stessi Bob ma anche nei grandissimi Klaxon Gueule). Se il disco dei Bob prometteva grandi fasti, con questi due nuovi lavori abbiamo una certezza sulla bontà di un’etichetta giovane ma che non teme confronti con altre realtà già affermate (si pensi ai connazionali dell’Ambiances Magnétiques). Sì perché, se il gruppo dei Bob metteva in campo una schiera di personaggi di prim’ordine, queste due nuove releases non sono certo da meno. Bernard Falaise, Martin Tétreault e Michel F Côté sono personaggi cardini della scena di Montréal ma non solo; il primo e il terzo, con i Klaxon Gueule, si sono assicurati per sempre un posto nell’olimpo mentre Martin Tétreault è un eccellente e quotato turntablist, improvvisatore e sperimentatore d’avanguardia, con alle spalle una vagonata di collaborazioni da far invidia. Quest’ultima, e veniamo a parlare di Des gestes défaits, con Bernard Falaise è per di più una delle migliori. Il lavoro si basa su tre concerti in solo di Bernard Falaise, improvvisati intorno alla mezzanotte, in 3 differenti stanze, che Falaise elabora con una serie di 33 frammenti, 11 per concerto, tra i 5 e i 40 secondi, più un coro di 18 secondi ripetuto in maniera differente ogni 3 minuti. Un processo complesso, quindi, cabalistico ed alchemico e dai risultati esaltanti. I due assemblano un lavoro coeso ed omogeneo, cupo e vitale, in cui le tracce si susseguono senza soluzione di continuità. Il suono così costruito si sviluppa su due livelli: l’elettronica da una parte e la musica concreta dall’altra. Il primo costituito da beat minimali e reiterati che ne formano l’ossatura e il secondo, sovrapposto, con i rumorismi fuoriusciti dai solchi dei macchinari manipolati da Tétreault che arricchiscono il disco di una serie infinita di particolari suggestivi, riuscendo ad essere nel contempo astratta e descrittiva. Veniamo così catapultati nel cuore pulsante di una metropoli affascinante ma pericolosa tra derive siderurgiche (tige.lacher.heavy, souterrain), quadri ambient (bras.laisser aller.grave, rapeux), squarci industriali (ressort.répéter.Pour F), condotti fognari in perdita (sélecteur de vitesse.compresser.mouillé; tapis de caoutchouc.égratigné.rythmér) e periferie abbandonate (plateau.spatialiser.acide).

In 63 apparitions di Michel F Côté viene riproposta in CD parte della musica da lui composta per una coreografia ispirata dal Socrate di Érik Satie. In esso il percussionista (Côté lo è, fondamentalmente) tocca momenti di pura avanguardia: i suoni al contagocce di Morton Feldman, l’arte aleatoria di John Cage, l’elettronica primitiva di Iannis Xenakis e la sospensione sonora di Pauline Oliveros. Di suo, Côté aggiunge molto, dando vita ad un connubio tra classico e modernità/elettronica di notevolissima fattura; produce una colonna sonora (questo lato emerge chiaramente in 4.2 e 5.1) evocativa e misteriosa che regge benissimo anche senza il supporto coreografico. Come nel disco di Falaise/Tétreault, anche in questo si prediligono le soluzioni più variegate e dinamiche ed in ciò è supportato al meglio da alcuni esponenti della scena sperimentale canadese: Martin Tétreault, Diane Labrosse e Christof Migone. Questi due dischi dell’&records sono la dimostrazione di come in ambito musicale le cose da dire siano ancora molte, testimoniando la vitalità di una scena troppo spesso ai margini delle cronache quando invece secondaria non lo è e non lo è mai stata.

… la vitalità di una scena troppo spesso ai margini delle cronache quando invece secondaria non lo è e non lo è mai stata.

Michel F Côté. 63 apparizioni nel mondo dell’elettronica

Michele Coralli, Altremusiche, 1 novembre 2004

altremusiche: La & records, la vostra neonata etichetta canadese, esce con due lavori, entrambi molto ben curati ed entrambi ispirati a una costruzione del suono basata sulla ciclicità di strutture rumoristiche. In questi ultimi anni il rumore sembra definitivamente esploso in gran parte delle produzioni artistiche contemporanee. Quanto ha influito secondo te l’elettronica nel determinare un’estetica del continuum sonoro/rumoristico?

Côté: Mi sembra che, in quest’ottica, la posizione di John Cage (e di qualcun’altro) sia centrale. Però, più che l’elettronica (in termini d’estetica musicale), penso che sia stata la tecnologia digitale ad aver contribuito all’integrazione definitiva del rumore nello spazio sonoro. Il medium stesso è il centro di questa rivoluzione musicale: “the medium is the message” diceva giustamente Marshall McLuhan. L’inizio degli anni ‘90 potrebbe essere il punto di partenza più probabile: il digitale - attraverso i cd, i primi laptop, studi portatili e altri utensili musicali non analogici - diventa rapidamente uno strumento audio accessibile e indispensabile. Questa innovazione tecnologica chiude definitivamente l’era analogica. L’elettronica, grazie alle sue risorse, diventa quindi un’estetica influente. Anzi, il digitale ci ha liberato da quell’ossessione tipicamente analogica nei confronti del rumore (cioè il rumore di fondo, il soffio, tutto quel rumore considerato come parassitario); il rumore non è più considerato come un tabù, non è più odiato, diventa potenzialmente estetico. I “room tones” e altri “buzz” elettrici assumono uno statuto di nobiltà, del tutto inaspettatamente, d’altra parte. Anche il “glitch”, quest’altro “errore sonoro involontario”, ha approfittato di questa liberazione digitale. La vecchia gerarchia dei suoni considerati come musicali, rispetto a quelli “non musicali”, è stata abolita. Cage trionfa.

altremusiche: Non possiamo non considerare la vostra vicinanza estetica, ma anche fisica, con Ambiances Magnétiques. La & records risponde a un’esigenza più radicale rispetto quell’esperienza che sembra ampliare il campo a musiche di diversa estrazione? Ci parli della tua esperienza con AM?

Côté: Non direi che ci sia un’esigenza radicalizzatrice dietro la creazione dell’etichetta. Essenzialmente si tratta d’un progetto artistico iniziato da Fabrizio Gilardino e me stesso. Un desiderio comune d’inventarci, con molta modestia, un nuovo spazio di creazione e diffusione. “Just what the world needs… Another record company”, scriveva Frank Zappa nel 1969, quando mise in piedi Bizarre Productions. Da qualche anno a questa parte il pianeta è infestato dal proliferare di nuove, piccole etichette che vedono la luce ogni giorno, senza sosta, in modo quasi esponenziale. Ciò mi piace… Mi sembra una proliferazione potenzialmente poetica. &records è uno spazio di ricerca, e la ricerca, la sua stessa ragion d’essere… Posso immaginarmi facilmente &records nella stessa genealogia familiare di Ambiances Magnétiques. Del resto, Fabrizio e io stesso, ne siamo ancora e sempre strettamente associati: Fabrizio continua a collaborare con loro come direttore artistico e grafico e io vi faccio ancora uscire dei dischi, com’è il caso per uno dei miei prossimi progetti, che ha per titolo Flat Fourgonnette (molto vagamente, musica country alla mescalina). Sono ancora, e lo sarò sempre, un membro del collettivo di Ambiances Magnétiques. Quest’etichetta è un ottimo esempio di “successo parallelo” e poi, senza Ambiances Magnétiques, qualche anno fa, probabilmente non sarei mai riuscito a pubblicare alcunché.

altremusiche: Nella musica elettronica attuale, ma forse non solo in quella, uno dei principi plasmanti forse più determinanti è il concetto di spazio, sia reale che mentale. Esiste secondo te una musica in se stessa, libera dall’idea o dalla suggestione che può generare?

Côté: Una musica che esistesse solo per se stessa dovrebbe comporsi in modo autonomo, senza intervento umano, e sarebbe al tempo stesso il suo solo fruitore e referente. Se una tal musica esistesse non potremmo mai ascoltarla. Peggio per noi. Il melomane e il critico inevitabilmente generano un’interpretazione. Le idee che s’associano abitualmente a una musica in particolare sono in genere proposte dall’ascoltatore, non dal compositore. La musica è, dal punto di vista semantico, piuttosto relativa, debole nei suoi enunciati, meno precisa del linguaggio visuale o delle parole stesse, ma resta comunque strettamente legata alle idee e suggestioni del compositore come alle diverse interpretazioni dell’ascoltatore. Per quanto riguarda il concetto di spazio, ti dirò che, essenzialmente, la musica è un’arte del tempo, ciò che gli uomini hanno inventato di meglio per contrastare l’ineluttabilità del tempo che trascorre. E tutto ciò funziona piuttosto bene: quest’arte infonde elasticità al tempo che passa. Nella musica, le questioni di spazializzazione sono sempre rimaste secondarie. Forse, grazie all’inarrestabile ottimizzazione delle tecniche di riproduzione sonora, le preoccupazioni legate alla spazializzazione, al concetto di spazio sonoro, aumenteranno. Questa non è che l’alba…

altremusiche: Quanto influisce l’idea dello spazio sonoro nella tua musica? Sia quello in cui la tua musica vivrà, sia quello che la tua musica sarà in grado di evocare…

Côté: Non ho alcun controllo su ciò che la mia musica potrebbe evocare. Ed è un’idea che mi piace molto. Sesso stellare? Pensieri immensamente stupidi? Chi lo sa? In quale spazio sonoro la mia musica vivrà? Spero che si tratti d’uno spazio frequentato da spiriti radicali liberi… Lo spazio sonoro si rifà a una logica di profondità e di campi: vicino, lontano, che ruolo può giocare il silenzio. E poi non si devono dimenticare le dinamiche d’ampiezza sonora: le nozioni di spazio ne sono dipendenti. L’ascolto attivo, insomma.

altremusiche: Il tuo lavoro 63 apparitions è stato composto per una coreografia, quindi si tratta di una musica funzionale in qualche modo. Quanto cambia il tuo modo di lavorare in caso come questo?

Côté: Tutta la musica è, a priori, funzionale. Assolutamente. La musica è un’arte funzionale: contribuisce al benessere dell’anima, funzione necessaria esercitata da almeno 60000 anni. L’arte per l’arte è una strana utopia. Però una musica composta per una coreografia fa parte del nostro quotidiano. Musica e danza sono due forme d’arte strettamente associate: la danza, spaziale, si nutre di musica; la musica, temporale, si libera a contatto della danza. Non conosco musicisti che non sorridano quando vedono gente ballare sulla loro musica e mi sembra una funzione assai nobile, quella di comporre per uno spazio coreografico. Comporre per una coreografia è naturalmente diverso che comporre per un matrimonio, una celebrazione militare o un corteo funebre. E’ decisamente più gaio… Ti dirò che l’interazione interdisciplinare mi pare molto stimolante, basta citare alcuni nomi, John Cage / Merce Cunningham, Tom Waits / Robert Wilson, Igor Stravinskij / Vaslav Nijinski, Nino Rota / Federico Fellini, Morton Feldman / Samuel Beckett… Cambia, il mio modo di lavorare in un caso come questo? Il mio lavoro di composizione cambia sempre e comunque…

altremusiche: Nel disco vengono citati due autori come Cage e Satie, che sono sempre stati legati a qualcosa di esterno alla musica, ma così strettamente correlato alla loro musica. Perché loro due?

Côté: Semplicemente perché mi sono essenziali. Al tempo stesso esteriormente e strettamente connessi…

Outer Limits

Edwin Pouncey, The Wire, no 249, 1 novembre 2004
Labrosse’s orchestral sound sampling is especially hauting and effecvtive…

Blogue

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.