The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 180, May 1, 2013

Il nuovo progetto della Hétu, costruito secondo il modello del teatro sonoro, è sviluppato da un quintetto di musicisti-interpreti che vede in organico, oltre alla stessa compositrice, Alice Tougas St-Jak, Jean Derome, Isaiah Ceccarelli, and Susanna Hood. La struttura a scene-frammenti esplora temi la cui diversità epistemologica (sesso, corpo, politica, ecologia, morte) viene unificata attraverso l’idea della complessità femminile. La scrittura musicale è caratterizzata dal modo di lavorare sulla melodia proprio del rock in opposition e dell’avant-song, che può concedersi anche sembianze popolari come in S’la couler douce, limpida melodia per l’accordion e la voce della Tougas St-Jak. Più spesso però la forma canzone viene destrutturata tra tecniche vocali estreme, invenzioni patafisiche, field recordings, rumorismi da oggetti trovati, questo forse per meglio rappresentare la frammentarietà dell’esistenza. Ci vogliono un paio di ascolti per cogliere il valore complessivo di forma e sostanza del lavoro, che peraltro subito può essere apprezzato nell’impasto maschile-femminile di Ô madame la morte, nell’aplomb contemporaneo di Fragment Discipline de vie e nell’ugola quasi bianca di Susanna Hood (Nue). Ed è principalmente attraverso il canto che si rinviene traccia di quel senso difficile d’unità al quale si accennava e pure l’immagine d’una donna-umanità ferita ma ancora viva.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.