actuellecd

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 176, January 1, 2013

Klaxon Gueule in libera uscita; e libera da chiunque, visto che sia l’uno che l’altro fanno tutto da soli. St-Onge, il bassista, suona il suo strumento “assistito dal computer” (il basso elettrico, non St-Onge) e lo ripropone in vesti non abituali: contraffatto, misterioso, mutevole. Una bella prova di maestria ma anche quel buon tot di gratuità che contribuisce a lasciarci indifferenti; non mi pare che ci siano altre linee maestre che un certo alt-sfoggio. St-Onge da solista non è mai stato troppo convincente (anzi) e in Ailleurs ce ne dà conferma.

Invece Falaise, il chitarrista, stavolta suona anche il piano e duetta con se stesso nella migliore delle maniere. Li mixa, smista e depista, li fa collidere e combaciare, usa la fantasia per farli camminare insieme, sbilenchi entrambi e d’improvviso all’unisono. Per dire insomma di un disco che ha gran bella creatività e null’altro da sfoggiare oltre le (numerose) idee messe in campo: pezzi brevi per lo più come frammenti conchiusi, tutti motivati da curiosità e spinta verso l’ignoto, beati nella loro fragilità, densi di mille spunti che vanno dal jazz alla contemporanea, da rimasugli RIO a musiche da film (direi soprattutto queste). Nessuna rivoluzione, e forse anche in questo caso non molto più che una prova di maestria: ma che differenza!