actuellecd The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 156, May 1, 2011

Un sincopato ritmo jazz e una chitarra che fa pensare al Ribot waitsiano; è (Put Some) Spunk in Your Funk, pezzo d’apertura dell’album dei canadesi Vertical Squirrels, Ajay Heble (piano, melodica, percussioni), Daniel Fischlin (chitarra, flauto provenzale), Lewis Melville (basso, banjo, radio frequenze) e Rob Wallace (batteria e vocalizzi). Ma è solo una delle mille indicazioni fornite da un disco che poi si dimena alla ricerca di onomatopee da veri scoiattoli verticali (Nomads, Sparrows & Machines) e veri ragni meccanici (Danse des araignées mécaniques), si sbilancia recuperando il Davis elettrico in versione notturna e flessuosa (l’ottima ¡Ah/Ha!), snocciola un talkin’ free (L’impatience des poissons), sfiora la psichedelia etnofolkie (Leaps Of Faith), si abbandona a romanticismi classicheggianti (La mnémologie / Amnesiaville) e dolcezze da rock ballad d’altri tempi (Resurrectiong The Good). Il gusto del puro suono che scorre coi freni mai troppo tirati è la via di un’interazione perfetta tra strumenti evidentemente guidati dal piano ma mai comprimari: appena un po’ barocchi, ironici, curiosi, affabili, intelligenti, abili, disincantati, rilassati ma non svagati, i Vertical Squirrels sono tra le cose più piacevoli ascoltate di recente in ambiti (avant?) rock-jazz.

i Vertical Squirrels sono tra le cose più piacevoli ascoltate di recente in ambiti (avant?) rock-jazz.