The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 152, January 1, 2011

Dall’inarrestabile fucina della &records ecco saltare fuori la cantautrice Alexis O’Hara (voce, basso, drum programming, elettronica), che si accompagna con i tre Klaxon Gueule Michel F Côté (percussioni), Alexandre St-Onge (contrabbasso e basso) e Bernard Falaise (chitarra e basso), oltre a Brian Lipson (tromba), Radwan Moumneh (saz), Stef Schneider (percussioni) e Sophie Trudeau (violino). Alexis canta in francese, inglese e spagnolo con voce timida e vellutata, quasi fanciullesca (The Stockholm Effect), con risultati d’un umore pop-glitch — ma qui più pop/improv- che fa pensare ai medesimi luoghi frequentati da Juana Molina (le splendide A View / Of You, Ventitres, Bugs) o Niobe (Optimism of the Will, Encantamiento, quella piccola meraviglia chiamata Inside Joke (love is) ) e qualche sortita verso mutazioni di folk estatico-ritualistico (Sleepwalker), jazz d’antan (Balade gelée) e persino pseudo-dance (Twenty-three sarebbe già pronta per un remix). Sono canzoni che con qualche piccolo accorgimento d’arrangiamento si trasformerebbero in hit pop (Detached love song) ma che ovviamente non è lì che puntano, e restano sempre orgogliosamente oblique, sguscianti, imprendibili. Ottimo.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.