actuellecd

Recensione

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 141, February 1, 2010

Rainer Wiens, chitarrista tedesco naturalizzato canadese, ha un altro album al suo attivo Bonunca Dream Music, la membership nei PO insieme a Sam Shalabi, John Heward, Alexandre St-Onge e varie collaborazioni (Malcolm Goldstein, Jean Derome e via così). Questo titolo, lo stesso di un libro di Carl Sagan e del film di Sergei Parajanov, è un florilegio di sue composizioni interpretate in solo e duo. Rainer Wiens, che si produce alla kalimba (The Valley of Green Ghost, Kawthoolie, The Taste of Pomegranate) imbastisce il discorso, sono gli amici-interpreti (Frank Lozano, Jean René, Joshua Zubot, Jean Derome e Malcolm Goldstein) a dare spessore alla arcaica atmosfera del disco. Già il violone di Joshua Zubot e il flauto di Jean Derome sviluppando il tema di Shadow of Forgotten Ancestors, ramificano la livida melodia post-impressionista fin fuori il pentagramma con una tensione drammatica che lascia attoniti. Ma a prender le budella è Shh… Whisper to the Wind, con i breathing sounds di vento malato e lo stridere delle corde fino alla visione di contorte arborescenze. Il resto, - sia la brillante viola di Jean René in Double Up, o l’archetto malinconico per Lipari-Stromboli, o i vibrati e trilli del flauto (Bird of Jade) – senza che ne venga meno la dignità artistica - sembra semplicemente disporsi intorno a quei due quadri sonori, come le formelle d’un polittico.