The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 129, February 1, 2009

In questo doppio il Quatuor Bozzini di Stéphanie e Isabelle Bozzini si cimenta nell’impresa di riprodurre l’intero corpus per quartetti e quintetti d’archi di James Tenney. Le due sorelle (rispettivamente viola e violoncello), coadiuvate da Clemens Merkel e Nadia Francavilla (entrambe al violino) e con pochi altri interventi di percussioni, piano e contrabbasso, ripercorrono la produzione del compositore (l’arco di tempo è 1955-2006) sottolineandone la grande forza evocatrice, quasi maieutica: lenti e a tratti quasi impercettibili movimenti che avanzano ponendosi e sovrapponendosi in una tensione paradossalmente e/statica. Dalle composizioni più vecchie a quelle esplicitamente influenzate dai coevi esperimenti elettronici e minimalisti (’60 e ’70) fino a quelle che includono anche percussioni e piano (anni ’90), un viaggio capace di esaltare e lasciare basiti di fronte al farsi di diversi capolavori.

un viaggio capace di esaltare e lasciare basiti di fronte al farsi di diversi capolavori.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.