The New & Avant-garde Music Store

Waves

Stefano Isidoro Bianchi, Blow Up, no. 127, December 1, 2008

Aimé Dontigny è il turntablist del duo morceaux_de_machines (con Érick d’Orion), Michel F Côté è il batterista dei Klaxon Gueule; gli ospiti del loro disco sono Bernard Falaise e Alexandre St-Onge, rispettivamente chitarra e basso degli stessi Klaxon Gueule, Alexander MacSween dei Foodsoon (batteria aggiunta in un brano) e Jean René (viola in un brano). Chi segue le vicende dell’impro-rock canadese sa che abbiamo a che fare con un grumo di musicisti che si collegano, scambiano e ritrovano in mille dischi diversi con formidabili capacità camaleontiche e dissimulatorie: in pratica riescono a suonare letteralmente di tutto e lo fanno con estrema nonchalance. Stavolta la coppia Côté-Dontigny propone un suono sfasciato e destrutturato — la masterizzazione è dell’esperto Paul Dolden: a quando un nuovo disco suo? — ma solidamente ancorato a una visione da ‘track’ ampia e accogliente, aperta ad input diversi e de/strutturata cum grano salis, facendo in modo cioè che restino linee maestre come se si trattasse della scrittura di autentiche ‘canzoni’. Tutto si basa nell’interazione di batteria-percussioni e cut-up da dischi e computer: Ritmi di oggetti, Jumping Off Minoru Yamasaki’s Building e Target="blank_" con l’impeto di grooves ottusi e nebbiosi, Unlisted Card Number come dialogo elettronico di glitch e microwaves, Paxil Origami Club e Naines qui gesticulent in astrazioni di breakbeat e galleggianti tastiere spacey, Bounce dat ARN e The Book Burner come impossibili out-funk alla Super_Collider, Lube liqueur e Visiones nocturnae disperdendosi in sublimi scie di filamenti jazz.

Un’operazione che può ricordare DJ Shadow in una visionaria versione impro-jazz-rock e senza la passiva dipendenza da culto del vinile: i cut-up sono sempre funzionali a se stessi e non meri ammenicoli da esporre con matematico scientismo, strumenti puri d’arrangiamento all’interno di un raffinatissimo modello di scrittura ri/creativa che ruota come una girandola mostrando sempre nuove facce e dettagli infiniti a ogni ascolto. Tenuto e trattenuto insieme dal collante di un’intesa perfetta e di una comunicativa a tratti persino vagamente ‘pop’, La notte fa è l’ennesima conferma di due talenti — e con loro di un’intera comunità di musicisti — dalle possibilità pressoché infinite.

La notte fa è l’ennesima conferma di due talenti — e con loro di un’intera comunità di musicisti — dalle possibilità pressoché infinite.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.