The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no. 13:36, July 1, 2008

Fin da quando l’italico Luigi Russolo, all’inizio del secolo scorso inventò l’“intona-rumori” e il francese Pierre Henry si dedicò negli studi di Parigi a quel ramo della musica elettronica poi definita “musica concreta” la nostra musa preferita ha iniziato a guardare non solo dentro ma “oltre” se stessa (per tacere degli orizzonti aperti da John Cage…). Un capitolo interessante viene ora riaperto da questa musicista/compositrice/fisarmonicista canadese che si diletta a “estrarre poesia intrinseca” in oggetti desueti. La mia convinzione è che Musique pour objets en voie de disparition non solo sia un disco molto bello ma, visto il materiale che utilizza, anche abbastanza accessibile. Diane, infatti, mischia sapientemente i suoni di svariati oggetti (sveglie, TV, stampanti, magnetofoni, racchette da ping pong) con quelli di strumenti tradizionali (violino, violoncello, flauto, tromba, clarinetto, fisarmonica, percussioni) con il risultato di otto dolci composizioni dalle timbriche sospese, talora crepuscolari e sommesse. Come non rimanere ammaliati dai quei quattro minuti di La télé noir et blanc con il clarinetto di Lori Freedman a dialogare con le onde di una vecchia TV in bianco e nero? E che dire di quella fisarmonica che, come un tetro maestro di cerimonie, introduce un atemporale standby telefonico? Così come quel lugubre ticchettìo di sveglia lontana si mescola con i toni bassi della chitarra di Bernard Falaise proiettandoci in un tempo rarefatto ed alieno.

Musica per trattenere il passato, rivitalizzandolo.

La mia convinzione è che Musique pour objets en voie de disparition non solo sia un disco molto bello…

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.