The New & Avant-garde Music Store

Recensione

Vincenzo Giorgio, Wonderous Stories, no. 13:36, July 1, 2008

Il lavoro è, senza dubbio impegnativo: sette composizioni del musicista canadese che ha da qualche tempo allestito un ensemble “australiano” (Topology appunto) costituito da Robert Davidson (contrabbasso), Kylie Davidson (piano), Christa Powell (violino), Bernard Hoey (viola) e John Babagge (sax) per cui scrive la sua musica. Il centro di gravità è l’avanguardia del novecento con evidenti riferimenti sia alla scuola post-schoenberghiana, ma anche più contigui alla ricerca elettronica (Stockhausen, Ligeti e Nono) senza disdegnare sporadici ritorni ad una rarefatta tonalità che sa (anche) di “sano” minimalismo.

Il disco si apre con il bellissimo trittico SCAT (because we all have voices and stories to tell), una suite di oltre diciassette minuti che spazia dal frenetico puntillismo del primo movimento tutto giocato sugli effervescenti contrappunti tra fiati ed archi con il piano di Kylie a cristallizzare il sound con massicci “cluster”. Molto più rarefatto il secondo episodio, denso di materia crepuscolare ispessita dai lunghi accordi del violino e da vaghe coloriture percussive (l’ospite David Kemp) che si va a con-fondere in una sorta di fuga minimalista ricco di speziature perfino famigliari a chi ha ascoltato certe cose del Mike Ratledge più rileyano ma, soprattutto, di Philip Glass. Di ambientazione più elettronica la prima parte del dittico Lightning Field — Darkness / Illumination (Brady, oltre alla scrittura e alla direzione fornisce “pesanti” apporti alla chitarra elettrica ed ai sampler) che odora qua e là di Corrieri Cosmici mentre il segmento conclusivo disegna spazi aperti con un suggestivo recupero di accattivanti (ma non scontati) elementi melodici. Conclude questo bel lavoro la dolente atonalità di Dark Matter (Primal Pulse) e Struck Twice by Lightning con la sua digrignante violenza dove, la tormentata viola di Bernard, assicura un robusto puntello cromatico.

Il centro di gravità è l’avanguardia del novecento con evidenti riferimenti sia alla scuola post-schoenberghiana, ma anche più contigui alla ricerca elettronica (Stockhausen, Ligeti e Nono) senza disdegnare sporadici ritorni ad una rarefatta tonalità che sa (anche) di “sano” minimalismo.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.