actuellecd The New & Avant-garde Music Store

Altrisuoni

Dionisio Capuano, Blow Up, no. 110-111, July 1, 2007

Il tombak è il principale strumento percussivo della musica classica persiana. Non propriamente un tamburo, assomiglia ad una grande coppa di legno, con l’apertura superiore coperta dalla pelle in tensione e un collo stretto che finisce con una base più stretta ed una piccola apertura. Viene suonato a mani nude, percosso, fatto roteare. Tabassian non fa virtuosismi, né tribalismo à la page. Esplora il corpo dello strumento come fosse quello di un’amante. Da questa manipolazione sensuale escono suoni che sono brividi della pelle (Entre nos peaux, è il titolo più che emblematico), melodie (Chante mon tambour), riflessi quasi metallici (Seul dvant soi). Il musicista più che suonare uno strumento, sollecita lo spirito della sua terra a parlare, a danzare (Danse mon tambour). Il tombak acquista una vita propria, avviluppando esecutore ed ascoltatore. Bonghisti freak state alla larga.

Tabassian non fa virtuosismi, né tribalismo à la page. Esplora il corpo dello strumento come fosse quello di un’amante.

By continuing browsing our site, you agree to the use of cookies, which allow audience analytics.